"Senza una nuova coscienza noi, da soli, non ce la faremo mai "





Rocco Chinnici

domenica 25 gennaio 2015

Gazzetta n. 246 del 20 ottobre 2012 (vai al sommario)
PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 10 ottobre 2012
Scioglimento del consiglio comunale di Reggio Calabria e nomina della commissione straordinaria. 


IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Considerato che nel comune di Reggio Calabria, i cui organi elettivi sono stati rinnovati nelle consultazioni amministrative del 15 e 16 maggio 2011, sussistono forme di ingerenza della criminalita' organizzata, rilevate a seguito di accertamenti approfonditi;
Considerato che tali ingerenze espongono l'amministrazione stessa a pressanti condizionamenti, compromettendo il buon andamento e l'imparzialita' dell'attivita' comunale;
Rilevato, altresi', che la permeabilita' dell'ente ai condizionamenti esterni della criminalita' organizzata arreca grave pregiudizio allo stato della sicurezza pubblica e agli interessi della collettivita' e determina lo svilimento e la perdita di credibilita' dell'istituzione locale;
Ritenuto che, al fine di porre rimedio al grave inquinamento e deterioramento dell'amministrazione comunale, si rende necessario far luogo allo scioglimento degli organi ordinari del comune di Reggio Calabria e disporre il conseguente commissariamento per rimuovere tempestivamente gli effetti pregiudizievoli per l'interesse pubblico ed assicurare il risanamento dell'ente locale;
Visto l'art. 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267;
Vista la proposta del Ministro dell'interno, la cui relazione e' allegata al presente decreto e ne costituisce parte integrante;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 9 ottobre 2012;

Decreta:

Art. 1

Il consiglio comunale di Reggio Calabria e' sciolto per la durata di diciotto mesi.
Art. 2

La gestione del comune e' affidata alla commissione straordinaria composta da:
dr. Vincenzo Panico - prefetto;
dr. Giuseppe Castaldo - viceprefetto;
dr. Dante Piazza - dirigente dei Servizi ispettivi di finanza pubblica della Ragioneria generale dello Stato, a riposo.
Art. 3

La commissione straordinaria per la gestione dell'ente esercita, fino all'insediamento degli organi ordinari a norma di legge, le attribuzioni spettanti al consiglio comunale, alla giunta ed al sindaco nonche' ogni altro potere ed incarico connesso alle medesime cariche.

Dato a Roma, addi' 10 ottobre 2012

NAPOLITANO
Monti, Presidente del Consiglio dei
Ministri

Cancellieri, Ministro dell'interno
Registrato alla Corte dei conti l'11 ottobre 2012 Registro n. 6, Interno, foglio n. 392
Allegato

Al Presidente della Repubblica

Parte di provvedimento in formato grafico


Roma, 9 ottobre 2012

Il Ministro dell'interno: Cancellieri
Allegato 1
Parte di provvedimento in formato grafico

Nessun commento:

Posta un commento