"Senza una nuova coscienza noi, da soli, non ce la faremo mai "





Rocco Chinnici

mercoledì 7 settembre 2011

Bilancio Previsione 2010 Consiglio Comunale 6 maggio delibera 21

Bilancio Previsione 2010 Consiglio Comunale 6 maggio delibera 21



"Approvazione Bilancio di previsione per l'anno 2010 e Bilancio pluriennale 2010/2012''.
Il Presidente propone al Consiglio Comunale l'adozione della seguente deliberazione:
"Approvazione Bilancio di previsione per l'anno 2010 e Bilancio pluriennale 2010/2012''.
IL CONSIGLIO COMUNALE
Vista la seguente proposta di delibera del servizio finanziario:
Visto il D.Lgs 18/08/2000, n.267 "testo Unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali"
Visto il D.P.R. 31/01/1996, n. 194 "Regolamento per l'approvazione dei modelli di cui all'art.114 del D.Lgs 25/02/1995, n. 77";
Vista la Legge Finanziaria 2010 Legge 23.12.2009 n° 191 , pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale
G.U. n. 302 del 30-12-2009 - Suppl. Ordinario n. 243
Considerato che il termine per la deliberazione consiliare del bilancio di previsione 2010 è prorogato al 30 aprile 2010. (D.M. 17 dicembre 2009, in G.U. n. 301 del 29 dicembre 2009).
Vista la relazione previsionale e programmatica, il bilancio di previsione pluriennale ed il progetto di bilancio annuale che ai sensi e per gli effetti degli artt. 162, 170 e 171 del D.Lgs n.267/2000, sono stati predisposti dalla Giunta con propria deliberazione n. 32 del 19/03/2010;
Vista la propria deliberazione n._ approvata nella stessa seduta del presente atto, con cui si è provveduto a determinare per l'anno 2009 le tariffe ed i contributi per i servizi a domanda individuale;
Vista la propria deliberazione n._ approvata nella stessa seduta del presente atto, con cui sono stati fissati i prezzi unitari di concessione o concessione delle aree da destinare a insediamenti residenziali, produttivi e terziari;
Vista la deliberazione di Giunta Comunale n.31 del 19/03/2010 " determinazione annuale delle percentuali da destinare alle finalità indicate dall'art.208 D.Lgs. 258/92 codice della strada ";
Acquisita la relazione dell'organo di revisione, presentata in data 13/04/2010 prot n. 5263 conformemente alle indicazioni dell'art. 239, l° comma lett. b) del D.lgs. 267/00, dalla quale emerge
un motivato giudizio di congruità, di coerenza e di attendibilità contabile delle previsioni di bilancio;
Visto lo statuto del Comune, esecutivo a norma di legge;
Visto il regolamento di contabilità, esecutivo a norma di legge;
DELIBERA
1) di approvare il bilancio di previsione 2010 e relativi allegati (bilancio pluriennale 2010/2012, relazione previsionale e programmatica) negli elaborati che formano tutti parte integrante e sostanziale del presente atto, presentante le seguenti risultanze:
E N T R A T A Riepilogo dei Titoli
titolo I
ENTRA TE TRIBUTARIE €. 2.568.000,00
titolo II
ENTRA TE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLE REGIONI E DI ALTRI ENTI NEL SETTORE PUBBLICO ANCHE IN RAPPORTO ALL'ESERCIZIO DI FUNZIONI DELEGA TE DALLA REGIONE €. 2.529.50,82
titolo III
ENTRA TE EXTRA- TRIBUTARIE €. 1.050.154,80
titolo IV
ENTRA TE PER ALIENAZIONE E AMMORTAMENTO DI BENI PATRIMONIALI, PER TRASFERIMENTI DI CAPITALI E RISCOSSIONE DI CREDITI €. 764.68,00
titolo V
ENTRA TE DERIVANTI DA ACCENSIONE DI PRESTITI €. 9.600.000,00
titolo VI
ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO DI TERZI €. 3.272.222,00
Avanzo Amministrazione applicato €. 65.405,87
TOTALE ENTRATE €. 19.829.981,49
S P E S A: Riepilogo dei Titoli
titolo I
SPESE CORRENTI €. 6.107.601,49
titolo II
SPESE IN CONTO CAPITALE € 4.352.658,00
titolo III
SPESE PER RIMBORSO DI PRESTITI €. 6.097.500,00
titolo IV
SPESE PER SERVIZI PER CONTO DI TERZI €. 3.272.222,00
TOTALE SPESA €. 19.829.981,49
2) di dare atto della presenza dell'equilibrio di bilancio tra le previsioni di spesa e le corrispondenti previsioni di entrata, risulta dai seguenti allegati al bilancio che formano parte integrante della presente deliberazione:
1. Bilancio di previsione Entrata 2010
2. Bilancio di Previsione spesa 2010
3. Riepiloghi della spesa-corrente -e/capitale e Rimborso prestiti
4. Quadro riassuntivo generale
5. Risultati differenziali
6. Bilancio pluriennale 2010/2012- Entrata
7. Bilancio pluriennale spesa 2010/2012 per programmi
8. Riepilogo bilancio pluriennale per programmi
9. Riepilogo bilancio pluriennale spesa 2010/2012.
3) di ritenere impegnate, ai sensi dell'art. 183 comma 2 del D.Lgs. 267/00, le spese dovute:
a) per il trattamento economico tabellare già attribuito al personale dipendente e per i relativi oneri riflessi;
b) per le rate di ammortamento dei mutui e dei prestiti, interessi di preammortamento ed ulteriori oneri accessori;
c) per le spese dovute nell'esercizio in base a contratti e disposizioni di legge.
4) di dare atto che, sulla base del bilancio deliberato, la Giunta Comunale, con proprio atto, definirà il Piano Esecutivo di Gestione ai sensi dell'art.169 del D.Lgs. 267/00 e del vigente regolamento comunale di contabilità.
IL CONSIGLIO COMUNALE
Il Presidente, preliminarmente, ringrazia la commissione consiliare al bilancio per il lavoro svolto.
Il Sindaco da lettura di una relazione che allega alla presente per costituirne parte integrante.
Il Consigliere Caltanissetta chiede di conoscere i dati che facciano ritenere certi e veritieri gli stanziamenti in entrata derivanti dalla lotta all’evasione in tema di ICI e TARSU, chiedendo in particolare di conoscere se si sia proceduto alla redazione di un apposito ruolo, anche in funzione di
quanto affermato dai revisori nella loro relazione.
Il Responsabile del settore finanziario, presente in aula, precisa che gli importi iscritti in bilancio sono la conseguenza di valutazioni operate su un’indagine a campione effettuata utilizzando nuovi programmi informatici e sulla base di quanto accertato dal corpo di Polizia Municipale.
Il Consigliere Caltanissetta chiede di conoscere quanto effettivamente accertato nell’anno 2009 quali entrate conseguenti a contravvenzioni per violazione del codice della strada, stante che, per quanto a sua conoscenza, il comando di P.M. avrebbe comunicato accertamenti per € 463.000 e non per € 922.000 come iscritto nel bilancio di previsione.
Il Responsabile del settore finanziario evidenzia come detta cifra sia stata iscritta sulla base di quanto comunicato dal comando di P.M. ed inserita nella delibera della Giunta Municipale in sede di ripartizione dei proventi ex art. 204 del codice della strada. Evidenzia come ogni funzionario si assuma la responsabilità delle proprie affermazioni per cui in bilancio è stata iscritta la somma indicata dal comandante del corpo di P.M.
Il Consigliere Caltanissetta evidenzia come egli abbia eccepito sull’accertamento definitivo del 2009 e non sullo stanziamento del bilancio 2010.
Il Responsabile del settore finanziario afferma che il dato riferito all’esercizio precedente è solo indicativo e viene inserito per mera conoscenza stante che i dati definitivi faranno parte del conto consuntivo 2009, non in discussione in questa sede.
Il Presidente afferma che la miglior risposta ai dubbi del Consigliere è costituita dal fatto che il collegio dei revisori ha dato parere favorevole sul bilancio nel suo complesso; concede, pertanto, la parola al Presidente del collegio di revisione.
Il Dr. Genco, componente del collegio, evidenzia come in sede di predisposizione del bilancio di previsione il comandante del corpo di P.M. abbia fornito il dato che è stato inserito in bilancio, dopo l’approvazione dello schema di bilancio da parte della G.M. il comandante, possibilmente a seguito di ulteriori accertamenti, ha fornito un dato diverso da quello comunicato in precedenza.
Il Consigliere Battaglia ribadisce come il dato relativo all’anno precedente risulti solo funzionale a garantire le valutazioni dei consiglieri e non abbia carattere tassativo.
Il Responsabile del settore finanziario evidenzia come il dato relativo all’accertamento vada ad aggiungersi a quanto già incassato nel corso dell’anno, per cui l’accertamento complessivo sarà dato dalla somma di più dati e verrà evidenziato in via definitiva in sede di conto consuntivo.
Il Presidente invita a posporre ogni valutazione in merito ai proventi dalle contravvenzioni per violazione del codice della strada all’atto dell’esame del conto consuntivo dell’esercizio 2009.
Il Consigliere Caltanissetta afferma che l’inserimento in bilancio di un dato non rispondente a verità vanificherebbe le valutazioni dei consiglieri sugli stanziamenti di bilancio.
Chiede, quindi, che venga messa a verbale la seguente dichiarazione: “attesa l’impossibilità di conoscere gli estremi documentali relativi all’accertamento 2009 delle risorse finalizzate al codice della strada e considerato quanto richiesto dai revisori, si evidenzia la dubbia opportunità delle previsioni di competenza 2010 (in fatto concreto) in relazione alla risorsa in questione”.
Continuando nell’esame del bilancio, chiede, quindi, le seguenti informazioni:
1. In merito all’anticipazione di tesoreria di cui al titolo V° chiede se sussiste una posizione debitoria arretrata, ottenendo una risposta negativa da parte del responsabile del settore finanziario:
2. notando che nella parte attinente lo smaltimento dei rifiuti è prevista una spesa di personale di circa € 190.000 chiede a cosa si riferisca stante che il servizio risulta gestito dall’ATO; Il Responsabile del settore finanziario evidenzia come in detto capitolo trovino allocazione alcune unità non transitate all’ATO idrico e personale amministrativo interno;
3. come sia stato calcolato lo stanziamento per il servizio di raccolta rifiuti solidi urbani; il
Responsabile del settore finanziario risponde che lo stanziamento comprende
a) il costo del servizio da corrispondere all’ATO per un importo di € 809.000,00 pari all’importo previsto nel piano industriale 2005;
b) servizi di pulizia straordinaria non di competenza dell’ATO, quali il litorale e scali di alaggio;
c) interventi di disinfezione disinfestazione e derattizzazione.
Chiede, quindi, se corrisponde al vero o sia almeno verosimile il dato contenuto in una scheda contabile in suo possesso, fornitagli dall’ATO, dalla quale risulta un debito di questo Comune nei confronti dell’ATO di oltre € 1.500.000.
Il Presidente lamenta che detti dubbi non siano stati sollevati in sede di commissione bilancio il cui scopo è quello di fornire ai consiglieri tutte le informazioni di cui gli stessi necessitano. In questa sede, invece il responsabile del settore finanziario non è in grado di attestare la veridicità di alcun documento presentato.
Il Sindaco da lettura di una nota a firma del responsabile del settore finanziario che fissa in € 163.000,00 l’esatto ammontare del debito del Comune nei confronti dell’ATO.
Il Consigliere Caltanissetta afferma che il documento di cui il Sindaco ha dato lettura è incompatibile con i dati della scheda in suo possesso e chiede di conoscere quale dei due dati sia quello esatto.
Il Responsabile del settore finanziario invita a rinviare ogni valutazione al fine di consentirgli di effettuare dei controlli con gli atti disponibili in ufficio, confermando, comunque, la validità della nota di cui il Sindaco ha dato lettura.
Il Consigliere Caltanissetta afferma che egli ha presentato richiesta di rilascio di specifici atti agli uffici comunali che non hanno provveduto a fornirglieli per cui egli ha dovuto acquisire ogni utile notizia direttamente presso gli uffici dell’ATO.
Il Presidente evidenzia come tutti i consiglieri godano di pari trattamento avendo pari diritti presso gli uffici comunali siano essi di maggioranza che di minoranza; Se una richiesta non è stata evasa vuol dire che sussistevano taluni impedimenti, come ad esempio la presenza di dati sensibili su cui opera la tutela della privacy.
Il Consigliere Caltanissetta chiede di conoscere il riflesso che avrebbe sui residui l’esistenza di un debito di € 1.500.000.
Il Responsabile del settore finanziario riafferma che i dati richiesti attengono alle risultanze del conto consuntivo non in atto in esame. Per quanto attiene, comunque, ai residui rinvia ad un’apposita determina del proprio settore che indica tutti i residui in essere, sia attivi che passivi, per cui invita a prendere in esame detto provvedimento.
Il Presidente, ritenendo che informazioni sul credito vantato dall’ATO possano essere fornite dall’assessore Cutino, al fine di favorire il dibattito, concede a questi la parola. Detta valutazione viene contestata dai consiglieri di minoranza ed i conseguenti clamori costringono il Presidente a sospendere brevemente la seduta. Alla ripresa, calmati gli animi ed abbassati i toni, il Presidente invita l’Assessore Cutino ad intervenire.
L’assessore Cutino chiede che venga messa a verbale la seguente dichiarazione: “l’assessore Cutino si ritiene leso nella sua dignità di persona e di amministratore laddove viene apostrofato dal Consigliere Billeci Orazio con le seguenti parole sei un fasullo”. La presenza degli assessori all’interno di questo consesso, laddove tra l’altro avviene per specifico invito del Presidente, è legittima e meritevole di rispetto e credo determinante per la corretta e buona conduzione dei lavori consiliari, pertanto, i consiglieri tutti dovrebbero approvare lo sforzo che questa Giunta Municipale mette sempre in atto per assicurare la presenza in consiglio a supporto dei consiglieri”. Dopo aver precisato che se chiede di intervenire non lo fa per spirito di protagonismo ma solo per fornire chiarimenti in funzione della presenza in consiglio, insieme al Sindaco, cui si vuole dare supporto, entrando nel merito dell’ammontare del debito nei confronti dell’ATO dichiara di non condividere le affermazioni del Consigliere Caltanissetta che risultano fuorvianti specialmente laddove esibisce un documento, di incerta provenienza, di cui chiede che, seduta stante, ne vengano certificate le risultanze. Afferma che, comunque, l’ammontare del debito, qualunque esso sia, non va imputato a questo bilancio risultando già inserito nei bilanci dei rispettivi esercizi. Invita a confrontarsi con spirito democratico.
Il Consigliere Caltanissetta ribadisce che il bilancio dell’ATO prevede un credito nei confronti di questo Comune di circa € 3.700.000 e chiede se in ogni caso sia verosimile fissare in € 1.500.000 la posizione debitoria del Comune. Chiede, inoltre, se in aggiunta all’importo citato esistano ulteriori fatture emesse a carico del Comune di Isola delle Femmine, in quanto in assenza il bilancio dell’ATO sarebbe errato.
Il Sindaco, dopo aver evidenziato come anche lo stesso ATO fornisca dati contrastanti, ribadisce che la differenza tra la cifra prevista da questo Comune e quella richiesta dall’ATO discenda da una diversa base di valutazione iniziale ( costo sostenuto-costo previsto nell’unico piano industriale approvato, quello del 2005) nonché dalla valutazione dei servizi offerti, che secondo questo Comune non sarebbero tutti quelli previsti nel piano industriale e la cui assenza comporterebbe una decurtazione dei costi che questo ufficio tecnico ha valutato nell’ordine del 40%. Sulla base di queste valutazioni il debito di questo Comune è quantizzabile in € 163.000. Da dette valutazione divergenti scaturisce la materia del contendere in atto esistente tra quest’Amministrazione e l’ATO PA1.
Il Consigliere Caltanissetta ribadisce ancora una volta di ritenere corretto, sulla base del piano industriale un debito di € 1.500.000 e reitera la richiesta di conoscere se esistono fatture emesse dall’ATO non conteggiate e non contestate.
Il Responsabile del settore finanziario invita a porre dette domande al responsabile del settore tecnico cui compete la gestione del servizio.
Il Consigliere Caltanissetta afferma, che secondo quanto affermato dal responsabile del settore tecnico nessuna fattura è stata oggetto di contestazione. Riepilogando, a suo avviso, il Sindaco avrebbe riconosciuto l’esistenza di un debito di € 1.500.000 così calcolato secondo le previsioni del piano industriale 2005, a detto importo si aggiungerebbero ulteriori € 2.200.000 per fatture emesse dall’ATO e non contabilizzate, tuttavia non vengono fornite prove documentali sulla effettiva consistenza del debito, sull’esistenza di ulteriori fatturazione e sull’esistenza di contestazioni.
Tornando, quindi, all’esame del bilancio chiede delucidazioni sulle previsioni del bilancio pluriennale su cui i revisori hanno espresso un parere estremamente critico, precisando che detto bilancio non costituisce una formalità ma è un documento necessario ed indispensabile; Evidenzia come il collegio definisca i bilanci degli esercizi 2011 e 2012 pressapochistici e identici tra loro.
Il Presidente ribadisce ancora una volta, come nonostante le diverse valutazioni il parere del
collegio nel suo complesso sia comunque positivo.
Il Sindaco in considerazione delle critiche sollevate dal gruppo Rinascita Isolana chiede se il
gruppo abbia predisposto delle proposte correttive che prevedano il ripiano degli asseriti debiti e che individuino le voci di spesa da stornare per il ripiano delle affermate situazioni debitorie.
Il Consigliere Caltanissetta afferma che la presentazioni di emendamenti correttivi presupporrebbe
che la maggioranza avesse avuto un diverso atteggiamento nei confronti della minoranza, in assenza non ha senso chiedere una proposta di collaborazione. Le valutazioni sulla correttezza del bilancio saranno operate dalla Corte dei Conti alla quale si chiede che venga trasmesso il presente documento. Il gruppo si è limitato ad evidenziare gli errori e le incongruenze esistenti nel bilancio.
Il Sindaco afferma che non si chiedeva la collaborazione del gruppo di minoranza ma si auspicava un comportamento concludente con le osservazioni fatte che proponesse modalità di gestione contabile delle affermate situazioni debitorie e che andasse ad individuare le risorse da stornare.
Il Consigliere Caltanissetta afferma che non si sta dimostrando disponibilità a cogliere
l’importanza dei contenuti rispetto alle forme e ciò dimostra l’assenza di un clima di rispetto
dell’opposizione.
Il Presidente, contestando le affermazioni del Consigliere Caltanissetta in ordine al rispetto dell’opposizione, afferma che gli uffici comunali ed in particolare gli addetti al settore finanziario hanno sempre fornito la massima collaborazione; Il Sindaco ha sempre dato ampia prova di rispetto dell’opposizione cercando di coinvolgerla anche in incontri con autorità sovracomunali, ed in dette occasioni è stato il gruppo Rinascita Isolana a non partecipare. Il Consiglio ha sempre operato con la massima trasparenza e legalità su tutti gli atti sui quali è sempre stata consentita un’attenta analisi.
Il Consigliere Guttadauro a nome del gruppo Progetto Isola dà lettura di un emendamento.
Il Consigliere Battaglia afferma che l’emendamento presentato dal gruppo ha solo una
connotazione politica all’interno di un bilancio ampiamente condiviso e oggetto di uno studio
approfondito. La percezione di un clima ostile da parte della minoranza è frutto della propria
sensibilità, detta percezione, comunque, non avrebbe precluso la possibilità di presentare un
emendamento che avesse magari individuato soluzioni che avrebbero potuto evitare aumenti della TARSU. Afferma che partecipare ai lavori della commissione sarebbe stata la chiave giusta che avrebbe permesso a questo consesso un dibattito sereno. Non è l’assessore Cutino che avvelena il clima, anzi questi viene assaltato non appena chiede di parlare. Preannuncia il voto favorevole del gruppo sull’emendamento.
Il Consigliere Caltanissetta ribatte che quando l’opposizione si riferisce ad un clima di ostilità valuta la violazione dei diritti della minoranza, laddove non le vengono forniti gli atti richiesti. La presentazione dell’emendamento dimostra l’asservimento del gruppo di maggioranza all’Amministrazione in quanto ci si limita a spostare una cifra pari ad appena all’uno per mille dello stanziamento complessivo, Ciò dimostra in maniera limpida l’impossibilità di qualsiasi forma di collaborazione. Preannuncia la presentazione, quanto prima, di una mozione sulle cause che hanno impedito al gruppo di partecipare all’incontro presso l’assessorato Regionale Territorio ed Ambiente.
Si accerta l’allontanamento dall’aula dei consiglieri Cardinale e Mannino presenti n. 12.
Il Presidente poiché nessuno chiede ulteriormente di intervenire pone in votazione l’emendamento del gruppo Progetto Isola ed assistito dagli scrutatori nominati ad inizio di seduta, accerta il seguente esito:
Presenti e votanti n.12, voti favorevoli espressi per alzata di mano n. 8, voti contrari n.4 (i
consiglieri Caltanissetta; Billeci, Crisci e Nevoloso)
Il Consigliere Caltanissetta fa la seguente dichiarazione di voto sul bilancio: “Preannuncia il voto contrario del gruppo Rinascita Isolana, innanzitutto perché le previsioni di bilancio risentono di un’assoluta assenza di pianificazione stante che la maggior parte degli stanziamenti risultano obbligatori e gli stanziamenti discrezionali risultano assolutamente dubbi. Resta tutta da verificare l’attendibilità di maggiori entrate ed in particolare dei 100.000 euro che dovranno conseguire dalla lotta all’evasione ICI, dei 200.000 da reperire con la lotta all’evasione TARSU, per i quali non viene fornita alcuna dimostrazione; dei 350.000 euro che dovrebbero provenire da sanzioni per violazione del codice della strada, su cui non è possibile fare anche in questo caso alcuna valutazione non essendo possibile nemmeno avere conoscenza di quanto accertato nel 2009; Le restanti previsioni risultano ottimistiche e poco realistiche. A ciò si aggiunga l’esistenza di una posizione debitoria nei confronti dell’ATO rifiuti per circa 3.700.000 euro. Di conseguenza il bilancio risulta poco responsabile e incapace di assicurare qualsiasi possibilità di rilancio dell’economia isolana.
Ribadisce la richiesta che la delibera e l’intero bilancio venga trasmessa alla Corte dei Conti”.
Il Consigliere Battaglia dà lettura di un documento che si allega alla presente per farne parte
integrante.
Il Presidente, poiché nessuno chiede ulteriormente di intervenire, pone in votazione il bilancio così come emendato ed assistito dagli scrutatori nominati ad inizio di seduta, accerta il seguente esito:
Presenti e votanti n.12, voti favorevoli espressi per alzata di mano n. 8, voti contrari n.4 (i
consiglieri Caltanissetta; Billeci, Crisci e Nevoloso).
Il Consigliere Dionisi chiede che la presente deliberazione venga dichiarata immediatamente
esecutiva.
Il Presidente, poiché nessuno chiede ulteriormente di intervenire, pone in votazione la proposta del consigliere Dionisi ed assistito dagli scrutatori nominati ad inizio di seduta, accerta il seguente esito:
Presenti e votanti n.12, voti favorevoli espressi per alzata di mano n. 8, voti contrari n.4 (i consiglieri Caltanissetta; Billeci, Crisci e Nevoloso)
Per effetto delle superiori votazioni IL CONSIGLIO:
D E L I B E R A
Di approvare il bilancio di previsione dell’esercizio 2010, il bilancio triennale 2010/2012 e la relazione revisionale e programmatica come meglio indicata nella proposta di deliberazione.
Dichiarare la presente immediatamente esecutiva
Il Presidente informa il Consiglio Comunale che a seguito dell’approvazione del Bilancio e della dichiarazione di immediata esecutività dello stesso l’ultimo punto all’ordine del giorno non và più trattato.
I lavori vengono chiusi alle ore 22,10.
"Approvazione Bilancio di previsione per l'anno 2010 e Bilancio pluriennale 2010/2012''.
Atto numero 21 del 06-05-2010
Tipo di Atto: DELIBERA DI CONSIGLIO
Allegato: DELIBERA C.C. 021.10.pdf (41 kb)



Bilanci e Rifiuti: D.Lgs 18/8/2000 n 267 articolo 172


Art. 172. Altri allegati al bilancio di previsione
1. Al bilancio di previsione sono allegati i seguenti documenti:
a) il rendiconto deliberato del penultimo esercizio antecedente quello cui si riferisce il bilancio di previsione, quale documento necessario per il controllo da parte del competente organo regionale;
b) le risultanze dei rendiconti o conti consolidati delle unioni di comuni, aziende speciali, consorzi, istituzioni, società di capitali costituite per l'esercizio di servizi pubblici, relativi al penultimo esercizio antecedente quello cui il bilancio si riferisce;
c) la deliberazione, da adottarsi annualmente prima dell'approvazione del bilancio, con la quale i comuni verificano la quantità e qualità di aree e fabbricati da destinarsi alla residenza, alle attività produttive e terziarie - ai sensi delle leggi 18 aprile 1962, n. 167, 22 ottobre 1971, n. 865 e 5 agosto 1978, n. 457 - che potranno essere ceduti in proprietà od in diritto di superficie; con la stessa deliberazione i comuni stabiliscono il prezzo di cessione per ciascun tipo di area o di fabbricato;
d) il programma triennale dei lavori pubblici di cui alla legge 11 febbraio 1994, n. 109;
e) le deliberazioni con le quali sono determinati, per l'esercizio successivo, le tariffe, le aliquote d'imposta e le eventuali maggiori detrazioni, le variazioni dei limiti di reddito per i tributi locali e per i servizi locali, nonché, per i servizi a domanda individuale, i tassi di copertura in percentuale del costo di gestione dei servizi stessi;
f) la tabella relativa ai parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale prevista dalle disposizioni vigenti in materia.




Bilanci e Rifiuti L.R. 19 22.12.05 articolo 21 comma 17
17. E' istituito presso l'Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e delle
autonomie locali un fondo di rotazione, in favore delle società degli ambiti territoriali ottimali, destinato a garantire la copertura delle spese inerenti la gestione integrata dei rifiuti nei casi di temporanee difficoltà finanziarie. Al fondo è annualmente accantonata una quota pari al 4,5 per cento dell'importo relativo al fondo per le autonomie locali di cui all'articolo 23, comma 1, della legge regionale 29 dicembre 2003, n. 21. Con decreto del Presidente della Regione, previa deliberazione della Giunta regionale e sentita la Conferenza Regione-Autonomie locali, vengono stabilite le modalità di utilizzazione del fondo suddetto e il riparto a consuntivo delle somme non utilizzate, fermo restando che possono accedere alle risorse del fondo le società d'ambito con capitale sociale di almeno un milione di euro interamente versato. I comuni, per la quota di propria competenza nell'ambito territoriale ottimale, hanno l'obbligo di intervenire finanziariamente al fine di assicurare l'integrale copertura delle spese della gestione integrata dei rifiuti sussidiariamente alla propria società d'ambito e a tal fine istituiscono nel bilancio di
previsione un apposito capitolo di spesa con adeguata dotazione. La richiesta di utilizzazione del fondo deve essere avanzata dalla società d'ambito successivamente all'utilizzo di fondi alternativi, ivi compresi quelli dei comuni di riferimento e il ricorso all'indebitamento presso il sistema bancario. Le risorse anticipate dal fondo vengono reintroitate con i versamenti delle società d'ambito beneficiarie a seguito della riscossione della tassa o della tariffa di igiene ambientale ovvero, in carenza di riscossioni sufficienti, con il recupero delle somme spettanti agli enti locali del medesimo ambito territoriale a valere sul fondo per le autonomie locali di cui all'articolo 23, comma 1, della legge regionale 29 dicembre 2003, n. 21. Il ritardo nei versamenti di cui in precedenza autorizza il Presidente della Regione ad attivare l'azione sostitutiva nei confronti del soggetto inadempiente. Per l'attuazione di quanto previsto dal presente comma il dipartimento bilancio e tesoro, su richiesta dell'Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e delle autonomie locali, è autorizzato ad apportare nel bilancio della Regione le necessarie variazioni.




Bilanci e Rifiuti Legge 9 aprile/2010 Art. 4 Competenze dei comuni
1. I comuni esercitano le funzioni di cui all'articolo 198 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, anche provvedendo, nell'ambito della propria competenza, alle finalità di cui al comma 2.
2. Ai sensi del comma 1 i comuni:
a) stipulano il contratto di appalto per l'affidamento del servizio di gestione integrata dei rifiuti, relativamente al territorio di ogni singolo comune, con i soggetti individuati con le modalità di cui all'articolo 15 dalle S.R.R.;
b) assicurano il controllo del pieno adempimento dell'esecuzione del contratto di servizio nel territorio comunale;
c) provvedono al pagamento del corrispettivo per l'espletamento del servizio di gestione integrata dei rifiuti nel territorio comunale, assicurando l'integrale copertura dei relativi costi, congruamente definendo a tal fine, sino all'emanazione del regolamento ministeriale di cui all'articolo 238 del decreto legislativo n. 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, la tariffa d'igiene ambientale (TIA) di cui all'articolo 49 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 o la tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (TARSU), ovvero prevedendo nei propri bilanci le risorse necessarie e vincolandole a dette finalità;
d) provvedono, altresì, all'adozione della delibera di cui all'articolo 159, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, vincolando le somme destinate al servizio di gestione integrata dei rifiuti e garantendo il permanere del vincolo di impignorabilità, mediante pagamenti in ordine cronologico;
e) adottano, ove necessario, la delibera di cui all'articolo 194, comma 1, lettere b) e c), del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, avviando la conseguente azione di responsabilità nei confronti degli amministratori delle S.R.R.;
f) adottano il regolamento comunale per la raccolta differenziata in conformità alle linee guida allegate al piano regionale di gestione dei rifiuti ed al piano d'ambito;
g) adottano per quanto di competenza disposizioni per la tutela igienico-sanitaria nella gestione dei rifiuti;
h) provvedono all'abbattimento delle barriere architettoniche nel conferimento dei rifiuti;
i) esercitano le funzioni atte a garantire la raccolta delle diverse frazioni di rifiuti urbani e prescrivono le disposizioni per la corretta gestione dei rifiuti urbani pericolosi e dei rifiuti cimiteriali;
j) emanano le ordinanze per l'ottimizzazione delle forme di conferimento, raccolta e trasporto dei rifiuti primari di imballaggio e la relativa fissazione di obiettivi di qualità;
k) regolamentano, per quantità e qualità, i rifiuti speciali non pericolosi assimilabili ai rifiuti urbani ai fini della raccolta e dello smaltimento sulla base dei criteri fissati dalle norme vigenti, ove non disciplinati dalla Regione;
l) prevedono, di concerto con la Regione, le province e le S.R.R., all'interno degli strumenti di pianificazione urbanistica, le infrastrutture e la logistica necessaria per la raccolta differenziata, anche per la separazione secco umido, e per lo smaltimento, riciclo e riuso dei rifiuti;
m) promuovono attività educative, formative e di comunicazione ambientale a sostegno della raccolta differenziata;
n) verificano lo stato di attuazione della raccolta differenziata e la qualità del servizio erogato dal soggetto gestore anche attraverso un comitato indipendente costituito da rappresentanti delle associazioni ambientaliste, dei consumatori e di comitati civici.
3. I comuni rappresentanti almeno il 20 per cento delle quote di partecipazione alla S.R.R. possono promuovere la valutazione, da parte dell'Assessorato regionale dell'energia e dei rifiuti, dei costi stimati nel piano d'ambito per l'espletamento del servizio di gestione integrata dei rifiuti. L'Assessorato medesimo assume le proprie determinazioni entro sessanta giorni dalla richiesta, prorogabili una sola volta per ulteriori sessanta giorni, ove necessario per esigenze istruttorie. Trascorsi i predetti termini, i costi del servizio si intendono definitivamente assentiti, fatta salva la facoltà di impugnazione per le singole amministrazioni comunali.
4. Il sindaco adotta le ordinanze di cui agli articoli 191 e 192 del decreto legislativo 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, per tutti gli interventi che ricadano nell'ambito del territorio comunale.
5. Nell'ambito del proprio territorio, ciascun comune esercita il controllo sulla qualità e l'economicità del servizio espletato per la gestione integrata dei rifiuti, attivando, di concerto con la S.R.R. e con il gestore del servizio, tutte le misure necessarie ad assicurare l'efficienza e l'efficacia del servizio e l'equilibrio economico e finanziario della gestione.
Bilanci e Rifiuti Legge 9 Aprile 2010 Art. 14 Potere sostitutivo


1. A far data dalla pubblicazione del piano regionale di gestione dei rifiuti, qualora gli enti di cui alla presente legge non ottemperino alle funzioni e ai compiti assegnati, l'Assessore regionale per le autonomie locali e la funzione pubblica, su segnalazione dell'Assessorato regionale dell'energia e dei servizi di pubblica utilità, dispone, previa diffida, la nomina di commissari straordinari, nei seguenti casi:
a) mancato espletamento degli adempimenti di cui al comma 2 dell'articolo 7 o mancata elezione degli organi delle S.R.R., nei termini previsti dalla presente legge;
b) mancata adozione del piano d'ambito;
c) mancata approvazione dei bilanci delle S.R.R. nei termini previsti;
d) mancato espletamento delle procedure per l'affidamento del servizio e degli adempimenti di cui all'articolo 6, comma 5.
2. Nei casi di cui al comma 1, lettere b), c), e d), laddove i sindaci ed i presidenti della provincia non diano corso agli adempimenti necessari, previa diffida non inferiore a novanta giorni, si fa luogo alla nomina di un commissario straordinario che li sostituisce nelle funzioni societarie. Il commissario straordinario provvede, nell'esercizio dei relativi poteri, all'adozione della delibera di decadenza dei rappresentanti degli enti locali negli organi della società commissariata ed all'avvio delle consequenziali azioni di responsabilità. Il commissario straordinario assume altresì le funzioni rivestite dai sindaci e dal presidente della provincia nella S.R.R. I commissari straordinari durano in carica sei mesi e possono essere rinnovati, per una volta sola, per un corrispondente periodo di tempo. Il rinnovo dell'incarico è disposto con decreto dell'Assessore regionale per le autonomie locali e la funzione pubblica, adottato almeno novanta giorni prima della scadenza del mandato commissariale. Nei due mesi antecedenti alla conclusione dell'incarico, il commissario straordinario provvede agli adempimenti funzionali alla ricostituzione degli organi della S.R.R.
3. Costituisce grave violazione di legge da parte degli enti locali interessati:
a) l'approvazione dei bilanci di previsione in assenza dell'allegato di cui all'articolo 172, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, con riferimento ai bilanci delle S.R.R.;
b) la violazione degli adempimenti di cui alle lettere da a) a g) dell'articolo 4, comma 2.
4. In presenza delle condizioni di cui al comma 3, l'Assessore regionale per le autonomie locali e la funzione pubblica dispone, previa diffida non inferiore a novanta giorni, la nomina di commissari straordinari e contestualmente la decadenza degli organi delle amministrazioni interessate ai quali debba ascriversi la violazione. I commissari straordinari durano in carica sei mesi e possono essere rinnovati, per una sola volta, per un corrispondente periodo di tempo. Il rinnovo dell'incarico è disposto con decreto dell'Assessore regionale per le autonomie locali e la funzione pubblica, adottato almeno novanta giorni prima della scadenza del mandato commissariale. Nei due mesi antecedenti alla conclusione dell'incarico, il commissario straordinario provvede agli adempimenti funzionali alla ricostituzione degli organi decaduti.
5. Per le finalità di cui all'articolo 4, comma 2, lettera c), i commissari straordinari sono autorizzati a disporre variazioni di bilancio, nonché rettifiche delle aliquote TARSU o dei valori della TIA, in coerenza allo standard di cui all'articolo 15, comma 4.
6. A far data dall'entrata in vigore della presente legge, ove a causa delle violazioni di cui al comma 3 o della mancata adozione delle ordinanze di cui agli articoli 191 e 192 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, derivino situazioni di rischio per l'igiene e la sanità pubblica accertate da parte dell'autorità sanitaria competente per territorio o per materia, l'intervento sostitutivo può essere disposto con decreto del Presidente della Regione, adottato anche in assenza di previa diffida, su proposta dell'Assessore regionale per l'energia ed i servizi di pubblica utilità, di concerto con l'Assessore regionale per le autonomie locali e la funzione pubblica. In questo caso, l'eventuale adeguamento della TARSU o della TIA ha luogo con riferimento alla media delle aliquote applicate dalle amministrazioni comunali comprese negli ambiti territoriali ottimali attualmente costituiti. Il commissariamento comporta la decadenza degli organi degli enti ai quali sia da ascriversi l'omissione, nonché l'avvio della consequenziale azione di responsabilità amministrativa ed erariale.
7. Gli oneri conseguenti all'attività del commissario straordinario sono posti a carico dell'ente interessato.
Bilanci e Rifiuti


*Bilanci e Rifiuti
*Bilanci e Rifiuti Legge 9 Aprile 2010 Art. 14 Potere sostitutivo
*Bilanci e Rifiuti Legge 9 aprile/2010 Art. 4 Competenze dei comuni
*Bilanci e Rifiuti L.R. 19 22.12.05 articolo 21 comma 17
*Bilanci e Rifiuti: D.Lgs 18/8/2000 n 267 articolo 172









Consiglio Comunale 6 maggio 2010 aumento tassa rifiuti
Bilanci e Rifiuti
*Bilanci e Rifiuti Legge 9 Aprile 2010 Art. 14 Potere sostitutivo
*Bilanci e Rifiuti Legge 9 aprile/2010 Art. 4 Competenze dei comuni
*Bilanci e Rifiuti L.R. 19 22.12.05 articolo 21 comma 17
*Bilanci e Rifiuti: D.Lgs 18/8/2000 n 267 articolo 172
*DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI: Dichiarazione dello stato di emergenza in ordine alla situazione di crisi socio economico ambientale determinatasi, nel settore dello smaltimento dei rifiuti solido- urbani, nel territorio della Regione siciliana. Lombardo nominato Commissario straordinario
*Rifiuti e Bilanci Gestione dei rifiuti, Russo conferma Portobello smentisce
*Corte dei Conti Bilancio previsione 2008
* Bilancio Preventivo Consuntivo Corte dei Conti 2008 Isola *Conto Consuntivo 2009 i Revisori dei Conti..........
*L.R. 1/06 art 3 Misure di incentivazione per la riscossione dei tributi locali
*Trasferimento personale dal Comune all’APS accordo quadro
*trasferimento del personale all’APS
*Trasferimento Dip. Comuni ad APS L R 20/03 art 36 comma 1
*Bilanci Enti Locali patto di Stabilità 448/98 art 28
*BOCCIATO AL CONSIGLIO COMUNALE DI ISOLA DELLE FEMMINE IL CONTO CONSUNTIVO 2006
*C'è bisogno della forza di indignarsi

*Commissariamento dei Comuni per inadempienze per gestione rifiuti?
A.T.O. PA1 A.P.S.

Nel tempo abbiamo parlato di: Raccolta Rifiuti, ambiente, Italcementi, Aria irrespirabile, Privatizzazione dei Servizi, Gestione Acque e Qualità delle nostre acque, Inquinamento delle falde acquifere Raffo Rosso, Siti di Importanza della Comunità Europea SIC, Autorizzazione Integrata Ambientale, Piano Regolatore Generale, Cementificazione della fascia costiera, Alga Rossa,Tariffe, Parentopoli, Voto di Scambio, Rappresentanza negli Ambiti territoriali, Raccolta differenziata, Amministratori ciechi, La vita in diretta, Isola Pulita, Isola ecologica, SICAR, Incendio alla SICAR, Assessori all'ambiente Portobello, Wind Shear, Inquinamento da cromo esavalente, Tumori, Malattie collegate all'ambiente, leggi, disposizioni, querele, ricorsi, denunce, esposti..............
*Ambiente e politica ad Isola delle Femmine
*Modalità di gestione dei Rifiuti
*ATO Rifiuti Sentenza Corte Conti Tariffe Competenza Comuni
*Corte dei Conti INDAGINE funzionamento ATO PA 1
*ATO Idrico Pa1 Struttura tariffa e agevolazioni
*Consiglio Comunale Su ATO rifiuti e Ripubblicizzazione Acqua Bene Comune
*Angela Corica
*LA CRICCA DEGLI APPALTI
Dossier sull'acqua ai privati: Scarica il pdf
Dossier Munnizzopoli: scarica il pdf
*"Sindaco" Gaspare Portobello Mafia o Antimafia
*Sindaco Portobello: Chi è lo sciacallo?
*Rapporto sulle tecniche di trattamento dei rifiuti
*Rifiuti: nominato il nuovo CDA dell'ATO PA1
* Bilanci e Rifiuti
*Bilanci e Rifiuti Legge 9 Aprile 2010 Art. 14 Potere sostitutivo
*Bilanci e Rifiuti Legge 9 aprile/2010 Art. 4 Competenze dei comuni
*Bilanci e Rifiuti L.R. 19 22.12.05 articolo 21 comma 17
*Bilanci e Rifiuti: D.Lgs 18/8/2000 n 267 articolo 172
*Rifiuti e Bilanci Circolare Assessore Russo 8 giugno 2010
*Rifiuti e Bilanci Gestione dei rifiuti, Russo conferma Portobello smentisce
*238. D.Lgs 152/2006 Tariffa per la gestione dei rifiuti urbani.
Promemoria per il “Sindaco” Professore Gaspare Portobello

Il giorno 20 del mese di novembre dell’anno 2007, presso il Palazzo dei Carmelitani di Partinico, Lei Signor “Sindaco” professore Gaspare Portobello partecipa all’assemblea straordinaria della “Servizi Comunali Integrati R.S.U. S.p.a.”, la Sua partecipazione in quanto facente parte del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE titolare di una quota pari al 4,726 (quattro virgola settecentoventisei per cento) del CAPITALE SOCIALE. Signor “Sindaco” Lei a partire da quella data risulta essere AZIONISTA (comproprietario) dell’azienda in questione. Naturalmente in qualità di “Sindaco” legale rappresentante del “Comune di Isola delle Femmine” Piazza Duca degli Abruzzi (così come risulta a pagina 8 dell’atto che LEI ha firmato). Quindi faccia un attimo più di attenzione quando addossa la responsabilità del disservizio all'A.T.O. (per favore non si dia la zappa sui piedi)
*La Lega Nord con un emendamento approva la soppressione degli ATO
*DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI: Dichiarazione dello stato di emergenza in ordine alla situazione di crisi socio economico ambientale determinatasi, nel settore dello smaltimento dei rifiuti solido- urbani, nel territorio della Regione siciliana. Lombardo nominato Commissario straordinario
*Rifiuti e Bilanci Gestione dei rifiuti, Russo conferma Portobello smentisce
*Corte dei Conti Bilancio previsione 2008
*Bilancio Preventivo Consuntivo Corte dei Conti 2008 Isola
*Corte dei Conti Rendiconto Finanziario 2009 Regione Sicilia
*Progressioni verticali Art. 62 d.lgs n. 150/ 2009
*Progressioni verticali Corte dei Conti del. 10/2010
*Corte dei Conti scrive alla Provincia di Palermo 21 giugno 2010
*Conto Consuntivo 2009 i Revisori dei Conti..........
*L.R. 1/06 art 3 Misure di incentivazione per la riscossione dei tributi locali
*Trasferimento personale dal Comune all’APS accordo quadro
*trasferimento del personale all’APS
*Trasferimento Dip. Comuni ad APS L R 20/03 art 36 comma 1
*Bilanci Enti Locali patto di Stabilità 448/98 art 28
*BOCCIATO AL CONSIGLIO COMUNALE DI ISOLA DELLE FEMMINE IL CONTO CONSUNTIVO 2006
*C'è bisogno della forza di indignarsi

*Rifiuti e Bilanci Circolare Assessore Russo 8 giugno 2010
*Rifiuti e Bilanci Gestione dei rifiuti, Russo conferma Portobello smentisce
*Rifiuti si dimette l’avv Palazzolo Giacomo con tutto il Consiglio di Amministrazione ATO PA1
*SICILIA troppi sprechi nella Pubblica Amministrazione
*Il Vespro Mese di Giugno: Isola delle Femmine fare chiarezza in consiglio pag.10.11.12 e la rubrica Caro “Sindaco” Portobello Professore Gaspare pag 40 e 41
*Promemoria per il Signor “Sindaco” Professore Gaspare Portobello
*Licenze Edlizie 2006 Prg in itinere Schema di massima PRG
*Rifiuti Nomina Nuovo C.d.a. A.T.O. PA1
*RIFIUTI Emergenza Continua AFFARI garantiti
*Rifiuti: Rinvio a Giudizio per ex sindaco funzionari comunali e imprenditori
*Promemoria per il Signor “Sindaco” Professore Gaspare Portobello
*Sicilia, Via ai trasferimenti regionali
*Bellolampo Discarica e la Stagione Balneare
*Licenze Edilizie Rilasciate dal comune di Isola delle Femmine
*Alcune concessioni edilizie che siamo...
*L'ultimo mistero del bandito Salvatore Giuliano
*Questo è il bavaglio: Vi piace?
*Senatore Marcello Dell'Utri condannato a sette anni
*Informazione Comunicazione Critica Satira Diffamazione Giustizia
*Rapporti con gente di mafia. Si puo' criticare
*Bellolampo Discarica e la Stagione Balneare
*Munnezza a Isola : Costi Determine Ordinanze Impegni di Spesa
*Tutti all’Harry’s Bar per discutere l’appalto
*Lettera aperta al sindaco di Isola delle Femmine
*La ricchezza o la povertà la misuri dai rifiuti prodotti
*Caro "Sindaco" Prof Gaspare Portobello Mafia o Antimafia?
*Isola delle Femmine Disposto il divieto di dimora al comandante e al suo vice
Isola delle Femmine: **Isola delle Femmine Consiglio Comunale Bilancio Previsione 2010 6 maggio 2010
* D’Arpa viene emessa Ordinanza 67/R.O. 4.12.05
*D’Arpa Lottizzazione Di Matteo (Billeci, Marino…..)
*D’Arpa ROS sequestrano beni al catasto intestati a parenti del D’Arpa
*Aggiornamento di Sicileas Saracen Fin Imm Faraci Impastato D’Arpa una storia che si tinge di.......
*Elauto ufficio tecnico comunale prg parcheggio pubblico
*ELAUTO variante in corso d'opera
*Immordino avvocato (DELIBERA DI GIUNTA 61 23 7.09)
*l’architetto Sandro D’Arpa
*PRG Isola Norme di Attuazione D.A. 121/1983
*PRG Isola Norme di Attuazione D.A. 83/1977
*SEQUESTRO BENI di cui sono titolari parenti di un dipendente dell'Ufficio Tecnico Comunale

*Commissariamento dei Comuni per inadempienze per gestione rifiuti?
*Isola delle Femmine: Chi è lo sciacallo?
*Berlusconi: “..magari gli viene in mente di sparargli un colpo in testa”
*L'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA APPROVA LA LEGGE SUI RIFIUTI
*A.T.O. A.P.S. SERVIZI PRIVATIZZAZIONI ONERI E COSTI

ATO PA1 Rifiuti, Bilancio Previsione 2010 6 maggio 2010,Circolare Russo 8 giugno 2010,consulenze,Delibera C.C. 21/2010,FONTANETTA,PALazzotto,Pier Carmelo Russo,Pappagallo,SPRECHI,Squadrista Rosso,Cecchino



"Adeguamento Tariffe per l'applicazione della Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani Interni - Anno 2010"
Il Presidente dà lettura della seguente proposta di deliberazione proposta dall’Ufficio Tributi:
“Adeguamento Tariffe per l’applicazione della Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani Interni – Anno 2010”
IL CONSIGLIO COMUNALE
PREMESSO che l’ufficio finanziario sulla base dei dati emersi dal bilancio di previsione anno 2010, in corso di formazione, ha rilevato che il costo del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni ammonta a circa €. 1.153.180,00 di cui € 809.516,57 quale somma prevista dal piano industriale del Servizio comunale integrato; € 20.173,45 quale quota per la società mista; € 30.000,00 per interventi comunale straordinari; € 183.000,00 spese personale; € 9.082,60 per interessi passivi; € 15.000,00 per IRAP ed € 86.407,38 per altre prestazioni di servizi ;
Che parimenti il gettito previsto per l’anno 2010 della tassa smaltimento rifiuti solidi urbani ammonta a circa €. 853.900,00;
Che il suddetto gettito copre, quindi, il costo del servizio in misura percentuale pari al 74,05% circa;
Rilevato che si rende necessario procedere a reperire una ulteriore percentuale di copertura del disavanzo di gestione del servizio mediante un adeguamento delle tariffe in vigore;
Visto l’art. 65 del decreto legislativo del 15/11/1993, n. 507 che fissa i parametri di commisurazione delle tariffe collegandole alla quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie sulla base dell’estensione delle stesse e del tipo di uso;
Ritenuto che la maggiore percentuale di costo del servizio di che trattasi è dovuta alla raccolta e smaltimento in discarica dei rifiuti solidi urbani, in considerazione della lievitazione dei costi;
Rilevato che sulla base dei dati citati in premessa si rende necessario adeguare le tariffe a carico degli utenti che risultano produttori di rifiuti solidi urbani interni smaltiti mediante conferimento in pubblica discarica;
Visto l’articolo 77-bis, comma 30, del d.l. 112/2008 convertito dalla legge 6 agosto 2008, n.133 che dispone: resta confermata per il triennio 2009 – 2011, ovvero sino all’attuazione del federalismo fiscale se precedente all’anno 2011, la sospensione del potere degli enti locali di deliberare aumenti dei tributi, delle addizionali, delle aliquote ovvero delle maggiorazioni di aliquote di tributi ad essi attribuiti con legge dello Stato, di cui all’articolo 1, comma 7, del decreto – legge 27 maggio 2008, n. 93, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 luglio 2008, n.126, fatta eccezione per gli aumenti relativi alla tassa sui rifiuti solidi urbani (TARSU);
Vista la deliberazione n. 56 del 29/03/2005 con la quale sono state adeguate le tariffe per l’anno 2005,
Considerato che le tariffe attualmente sono le seguenti:
Categoria 101 Attività culturali, ricreative, associative €. 3,31al mq.
Categoria 201 Esercizi Commerciali ingrosso, autosaloni, stabilimenti balneari, discoteche €. 5,70 al mq.
Categoria 202 Deposito merci, materiali edili, parchi gioco, palestre,
autoscuole, Noleggi, distributori carburanti €. 5,79 al mq.
Categoria 301 Locali di civile abitazione, magazzini di uso civile €. 1,70 al mq.
Categoria 302 Alberghi, Pensioni, Caserme e Comandi Militari €. 9,09 al mq.
Categoria 303 Campeggi e similari €. 5,38 al mq.
Categoria 401 Uffici privati e commerciali, banche,studi tecnici €. 12,90 al mq.
Categoria 402 Ambulatori medici, laboratori analisi €. 13,71 al mq.
Categoria 501 Locali ed aree di attività artigianale in genere €. 5,79 al mq.
Categoria 502 Attività industriali ,uffici, magazzini, depositi €. 9,09 al mq.
Categoria 503 Locali di attività commerciale al minuto €. 6,19al mq.
Categoria 601 Supermercati, Ipermercati, Negozi alimentari €. 7,44 al mq.
Categoria 602 Panifici, Macellerie, Pescherie, Frutta e Verdura €. 7,02 al mq.
Categoria 603 Trattoria, ristoranti, pizzerie €. 9,92 al mq.
Categoria 604 Panineria,Birreria,Bar, Pasticceria €. 7,02 al mq.
Vista la deliberazione della Giunta Municipale n°29 d el 16/03/2010 che adegua le tariffe di cui sopra, a partire dal 1 gennaio 2010 con l’aumento come segue: la Categoria 301, Locali di civile abitazione e magazzino di uso civile, da € 1,70 a € 2,50 per tutte le altre Categorie l’aumento è pari al 20 %, esclusa la categoria 303 “campeggi e similari” che rimane invariata e che alla predisposizione del ruolo suppletivo relativo agli aumenti tariffari di cui sopra si procederà solo a seguito di quantificazione delle somme derivanti dal recupero dell’elusione e dell’evasione fiscale in materia qualora l’introito di tali somme si rivelasse insufficiente a coprire il maggior costo del servizio.
Ritenuto di dovere condividere e fare proprio quanto deliberato dalla Giunta
Municipale con il predetto atto deliberativo:
D E L I B E R A
Per le motivazioni di cui in premessa:
1) Adeguare le tariffe della tassa smaltimento rifiuti solidi urbani a partire dall’anno 2010 con l’aumento come segue: la Cat.301 ,Locali di civile abitazione e magazzino di uso civile da € 1,70 ad € 2,50 per tutte le altre categorie l’aumento è pari al 20% con esclusione della Categoria 303 “ campeggi e similari “ che rimane invariata.
2) Stabilire che alla predisposizione del ruolo suppletivo relativo agli aumenti tariffari di cui al punto 1), si procederà solo a seguito di quantificazione delle somme derivanti dal recupero dell’elusione e dell’evasione fiscale in materia qualora l’introito di talia somme si rivelasse insufficiente a coprire il maggior costo del servizio.
PARERI AI SENSI DEGLI ARTT. 151 art. 153 c. 4 DEL D.LGS. 267/2000
Ai sensi e per gli effetti degli artt. 151 e 153 comma 4, si esprime parere favorevole sulla regolarità
tecnica e contabile:
Il Responsabile del Settore Tributi
Antonino Tricoli
Vista la superiore proposta di deliberazione;
Il Presidente informa il Consiglio che la Giunta ha già approvato la proposta di deliberazione in argomento; il Consiglio è oggi chiamato a valutare detta proposta e decidere in merito, possibilmente confermando la deliberazione della G.C, che prevede un aumento della precedente tariffa del 20%. Detto aumento, tuttavia, verrà inserito in un ruolo suppletivo, che verrà emesso solo qualora non si dovesse ottenere un analogo gettito dal recupero dell’evasione fiscale; E’ possibile, pertanto, che detto ruolo non venga emesso.
Il Sindaco afferma che l’aumento della TARSU comporterebbe un maggior gettito per circa 300.000,00 €, ma si sta avviando un’attività di recupero dell’evasione predisponendo un apposito progetto che prevede compensi incentivanti per i dipendenti, per cui, qualora da dette attività accertative dovesse essere possibile acquisire un analogo ammontare non si darà corso all’aumento e, di conseguenza, non si emetterà il ruolo suppletivo
Il Cons. Caltanissetta preannuncia il voto contrario del gruppo di appartenenza in considerazione dell’attuale situazione del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani che dimostra l’inefficienza dell’amministrazione sulla problematica, per cui l’aumento della tassa costituisce un’offesa per il cittadino onesto, che vede violati i suoi diritti, stante che, trattandosi dell’applicazione di una tassa, questa risulta collegata al servizio, che, in atto presenta carattere emergenziale e che risulta sicuramente scadente. L’unica strada da percorrere, pertanto, è quella della lotta all’evasione.
Il Presidente evidenzia come il costo del servizio della raccolta dei rifiuti risulti, comunque, superiore all’ammontare del gettito previsto, per cui l’aumento costituisce un’esigenza di copertura
dell’intero costo del servizio.
L’Ass. Cutino non può che evidenziare il contrasto tra quanto in atto afferma il Cons. Caltanissetta e quanto dallo stesso affermato in precedenti sedute, laddove sosteneva che questo Comune aveva nei confronti dell’ATO un debito di notevole entità, mentre adesso opponendosi ad un adeguamento del gettito tale da coprire per intero il costo del servizio, sembra sostenere il contrario.
Evidenzia come, comunque, anche l’Amministrazione ponga in essere detto aumento con notevole
sofferenza.
Le divergenze tra il Comune e l’ATO in merito al costo del servizio scaturiscono dal fatto che il Comune ritiene che la raccolta differenziata in passato non sia stata effettuata per cui il costo relativo a detto servizio non vada corrisposto, anche in considerazione dei maggiori costi sostenuti per lo smaltimento in discarica dei rifiuti in maniera indifferenziata.
Il criterio che ha indotto l’Amministrazione a distribuire la manovra in due fasi (una prima afferente
al recupero dell’evasione ed una seconda, solo eventuale, di aumento indifferenziato della tassa) è quello di non colpire sempre i cittadini onesti, volendo recuperare, invece, le frange di evasione ed elusione, dando così copertura all’intero costo del servizio; costo che, tuttavia, renderà in ogni caso necessari adeguamenti tariffari per una ottimale distribuzione tra tutti i cittadini.
Il Sindaco, in merito al debito che questo Comune avrebbe nei confronti dell’ATO, evidenzia come
questa Amministrazione stia operando per riportare detto debito nell’ambito di quanto effettivamente dovuto, ciò a garanzia dei diritti dei cittadini i quali altrimenti si vedrebbero costretti
a coprire un costo del servizio fissato dall’ATO in € 1.500.000.
In tale considerazione, il Comune si è opposto al Decreto Ingiuntivo emesso dall’ATO e la recente interlocutoria pronuncia del magistrato, presenterebbe elementi di attenzione, stante che questi
sembrerebbe porre a base delle proprie valutazioni il Piano Industriale del 2005.
Il Cons. Caltanissetta contesta l’esattezza delle affermazioni del Sindaco; il giudice, infatti, in sede di esame dell’opposizione al D.I. si è limitato a nominare un C.T.U. e da detta decisione non può scaturire alcun elemento di valutazione positivo per il Comune.
In relazione a quanto affermato dall’Assessore Cutino, ricorda come egli abbia richiamato una circolare regionale che impone al Comune di coprire interamente il costo del servizio e non necessariamente di farlo gravare direttamente sugli utenti.
Anche i dati contabili evidenziano come la situazione debitoria scaturisca da inefficienza.
Si dichiara, altresì, sorpreso che per la prima volta l’Amministrazione riconosca che occorre far fronte al costo del servizio.
In merito, infine, alla sopravvalutazione del costo del servizio, così come risultante dalle fatture dell’ATO, la stessa dovrà essere oggetto di pronuncia da parte del magistrato.
Il Presidente afferma che, in questo momento, il costo del servizio viene coperto dal gettito della tassa nella misura minima prevista.
L’Ass. Cutino si augura di non dover far ricorso al ruolo suppletivo per la maggiorazione prevista, laddove la lotta all’evasione dovesse avere gli effetti sperati. La previsione in questo momento di un
aumento tariffario è dovuta esclusivamente ad un senso di responsabilità, stante che la vigente normativa impedisce che detto adeguamento tariffario venga posto in essere in un periodo successivo all’adozione del bilancio.
Ribadisce, ancora una volta, che l’intendimento dell’Amministrazione è quello di evitare l’aumento della tassa, ma, in tal senso, bisognerà tenere conto delle osservazione del Consiglio Comunale, laddove questo rappresenti l’obbligo di far fronte alle spese dell’ATO.
Si augura che la minoranza sia in grado di presentare un eventuale emendamento che individui le modalità di copertura dei costi del servizio smaltimento rifiuti, senza far gravare la spesa a carico dei cittadini con aumenti tariffari, ed assicurando, comunque, il pagamento degli stipendi e lo svolgimento dei servizi pubblici essenziali.
Il Cons. Battaglia preannuncia il voto favorevole del gruppo “Progetto Isola”, pur rappresentando come la decisione adottata sia stata valutata in maniera sofferta ma ritenuta necessaria, in quanto ragionevole;
Il Cons. Caltanissetta preannuncia il voto contrario del gruppo Rinascita Isolana, in coerenza con quanto affermato in precedenza, trattandosi di problematica strettamente connessa al Bilancio:
IL CONSIGLIO COMUNALE
Vista la superiore proposta di deliberazione;
Preso atto degli interventi;
Con n. 9 voti favorevoli espressi per alzata di mano e n. 5 contrari, (i Cons. Billeci, Caltanissetta,
Crisci, Mannino e Nevoloso), accertati e proclamati dal Presidente, con l’assistenza degli scrutatori
nominati a inizio di seduta;
DELIBERA
Approvare la superiore proposta di deliberazione.
Atto numero 20 del 06-05-2010
Tipo di Atto: DELIBERA DI CONSIGLIO
Allegato: DELIBERA C.C. 020.10.pdf (24 kb)



*Rifiuti: nominato il nuovo CDA dell'ATO PA1
*

FINANZA LOCALE: Certificati Preventivi

Cartina regionaleCartina Italia
Anno di riferimento:2010Ente selezionato:ISOLA DELLE FEMMINE (PA)
Tipo Ente:
COMUNECodice Ente:5190550410


QUADRO 1 - SI CERTIFICA
(gli importi sono espressi in Euro)

TIPO DELIBERA
-Valore
Deliberato con atto (2) 1
(2) il valore 1 indica che la deliberazione viene assunta con atto
del consiglio comunale;
il valore 2 indica che la deliberazione viene assunta con atto del
commissario straordinario;
il valore 3 indica che la deliberazione viene assunta con atto del
commissario prefettizio;
il valore 4 indica che la deliberazione viene assunta con atto della
commissione straordinaria;

QUADRO 1 - SITUAZIONE RIASSUNTIVA (1)
(gli importi sono espressi in Euro)

ENTRATE
DenominazionePrevisione definitiva del 2009Previsione 2010
approvata
Avanzo di Amministrazione27.948,0065.405,00
Tributarie2.186.000,002.568.000,00
Contributi e trasferimenti1.549.899,002.529.541,00
Extratributarie 1.453.963,001.030.155,00
Alienazioni ecc.747.929,00764.658,00
Assunzione di prestiti6.000.000,009.600.000,00
Servizi per conto di terzi2.675.000,003.272.222,00
TOTALI14.640.739,0019.829.981,00

SPESE
DenominazionePrevisione definitiva del 2009Previsione 2010
approvata
Disavanzo di Amministrazione00
Correnti 5.091.557,006.107.601,00
Conto Capitale 781.182,004.352.658,00
Rimborso di prestiti6.093.000,006.097.500,00
Servizi per conto di terzi2.675.000,003.272.222,00
TOTALI14.640.739,0019.829.981,00

 
Quadri presenti con il NUOVO modello
Quadro 1SITUAZIONE RIASSUNTIVA
Quadro 2ENTRATE
Quadro 3SPESE ( * )
Quadro 4RIEPILOGO SPESE CORRENTI ( * )
Quadro 5RIEPILOGO SPESE IN CONTO CAPITALE ( * )
Quadro 6GENERALE RIASSUNTIVO
Quadro 7SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE
Quadro 9SERVIZI A CARATTERE PRODUTTIVO ( * )

 

QUADRO 2 - ENTRATE ( * )
(gli importi sono espressi in Euro)



ENTRATE TRIBUTARIE
VociImporto
Categoria 1^ - Imposte1.420.000,00
I.C.I. su abitazione principale per fattispecie non esenti0
I.C.I. su fattispecie diversa da abitazione principale1.020.000,00
Imposta comunale sulla pubblicità30.000,00
Addizionale sul consumo di energia elettrica 150.000,00
Addizionale I.R.P.E.F.220.000,00
Compartecipazione I.R.P.E.F.0
Imposta di scopo0
Altre imposte0
Categoria 2^ - Tasse1.145.000,00
Tassa per l'occupazione degli spazi ed aree pubbliche45.000,00
Tassa per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani1.100.000,00
Tassa di concessione su atti e provvedimenti comunali0
Tariffa igiene ambientale (2)0
Altre tasse0
Categoria 3^ - Tributi speciali ed altre entrate tributarie proprie3.000,00
Diritti sulle pubbliche affissioni3.000,00
Altri tributi speciali0
TOTALE TITOLO I2.568.000,00
(2) Per i comuni che, ai sensi dell'ordinanza della Corte Costituzionale n.300/09
e della sentenza della Corte Costituzionale n.238/09, hanno collocato l'entrata
al titolo I.


ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI ANCHE IN RAPPORTO FUNZIONI DELEGATE DALLA REGIONE
VociImporto
Categoria 1^ - Contributi e trasferimenti correnti dallo Stato827.773,00
Fondo ordinario0
Fondo perequativo fiscalità locale0
Fondo per sviluppo investimenti0
Fondo consolidato0
Fondo per funzioni trasferite0
Trasferimenti compensativi per ICI sull'abitazione principale0
Altri827.773,00
Categoria 2^ - Contributi e trasferimenti correnti dalla Regione875.001,00
di cui: entrate da contribuzione regionale a specifica destinazione per finanziare spese di personale0
Categoria 3^ - Contributi e trasferimenti correnti dalla Regione per funzioni delegate775.267,00
di cui : entrate a specifica destinazione per finanziare spese di personale (3)0
CATEGORIA 4^ - Contributi e trasferimenti da parte di organismi comunitari e internazionali0
Categoria 5^ - Contributi e trasferimenti correnti da altri enti 51.500,00
TOTALE TITOLO II2.529.541,00
(3) Deve trattarsi di contributi attribuiti per finanziare espressamente le spese di personale.


ENTRATE EXTRATRIBUTARIE
VociImporto
Categoria 1^ - Proventi dei servizi pubblici1.005.955,00
Canone per l'installazione dei mezzi pubblicitari0
Entrate da sanzioni amministrative, ammende e oblazioni800.000,00
Altri proventi205.955,00
Categoria 2^ - Proventi di beni comunali20.700,00
C.O.S.A.P.0
Canone per concessioni cimiteriali (2)0
Canone pubblicità0
Altri proventi20.700,00
Categoria 3^ - Interessi su anticipazioni o crediti3.500,00
Categoria 4^ - Utili netti delle aziende speciali e partecipate,dividendi di società0
Categoria 5^ - Proventi diversi0
TOTALE TITOLO III1.030.155,00
(2) Le entrate derivanti da concessioni cimiteriali in diritto di superficie vanno collocate al titolo IV -categoria I delle entrate.


ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONE, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALI E
DA RISCOSSIONI DI CREDITI
VociImporto
Categoria 1^ - Alienazione di beni patrimoniali 30.000,00
Categoria 2^ - Trasferimenti di capitali dallo Stato100.000,00
Categoria 3^ - Trasferimenti di capitali dalla Regione65.000,00
Categoria 4^ - Trasferimenti di capitali da altri enti del settore pubblico349.658,00
Categoria 5^ - Trasferimenti di capitali da altri soggetti220.000,00
Entrate da permessi di costruire220.000,00
Altri trasferimenti0
Categoria 6^ - Riscossioni di crediti0
TOTALE TITOLO IV764.658,00


ENTRATE DERIVANTI DA ACCENSIONI DI PRESTITI
VociImporto
Categoria 1^ - Anticipazioni di cassa6.000.000,00
Categoria 2^ - Finanziamenti a breve termine0
Categoria 3^ - Assunzioni di mutui e prestiti3.600.000,00
Categoria 4^ - Emissioni di prestiti obbigazionari0
TOTALE TITOLO V9.600.000,00


ENTRATE DERIVANTI DA SERVIZI PER CONTO DI TERZI
VociImporto
TOTALE TITOLO VI3.272.222,00
TOTALE GENERALE DELLE ENTRATE19.764.576,00




QUADRO 2 - BIS - ALIQUOTE E TARIFFE
(gli importi sono espressi in Euro)



-
Descrizione Aliquote per unità di misuraTariffe per unità di misuraForma di riscossione (2)
ICI ordinaria - aliquota percentuale6,50campo non previsto nel modello5,00
ICI abitazione principale per le categorie non escluse -Aliquota percentuale 5,00campo non previsto nel modello5,00
Addizionale IRPEF - aliquota percentuale0,05campo non previsto nel modello1,00
TARSU per abitazione (mq) - Tariffacampo non previsto nel modello3,005,00
TIA per abitazione (mq) (3)campo non previsto nel modello11campo non previsto nel modello
TIA per abitazione(componenti familiari) (3)campo non previsto nel modello110campo non previsto nel modello
TIA per abitazione (mq) - Tariffacampo non previsto nel modello00
TOSAP per fattispecie ordinaria (mq) - Tariffacampo non previsto nel modello00
COSAP per fattispecie ordinaria (mq) -Tariffacampo non previsto nel modello41,001,00
(2) codice 1 : riscossione diretta
codice 2 : riscossione mediante aziende speciali
codice 3 : riscossione mediante S.p.A. o S.r.l. a prevalente capitale pubblico locale
codice 4 : riscossione mediante società miste
codice 5 : riscossione mediante concessionari
codice 6 : riscossione con altra fattispecie
(3) Indicare la tariffa relativa alla fattispecie prevalente per abitazione tenendo conto delle due componenti: quota fissa, rapportata alla superficie in mq.(cod. 2 252) e quota variabile rapportata al numero dei componenti del nucleo familiare (cod. 2 253). L'importo della tariffa va espresso
in euro e indicato al cod. 2 255 - Al cod. 2 252 e al codice
2 253 vanno indicati rispettivamente i mq. e il numero dei componenti il nucleo cui si riferisce la tariffa indicata.




( * ) Gli importi vanno riportati con due zero dopo la virgola.
L'arrotondamento dell'ultima unità è effettuato per eccesso qualora la
prima
cifra decimale sia superiore o uguale a cinque;
L'arrotondamento è effettuato per difetto qualora la prima cifra decimale
sia inferiore a cinque.

QUADRO 3 - SPESE ( * )
(gli importi sono espressi in Euro)



SPESE CORRENTI
VociImporto
TOTALE TITOLO I (3)6.107.601,00
(3) Compilare il quadro 4 relativo al riepilogo delle spese correnti


SPESE IN CONTO CAPITALE
VociImporto
TOTALE TITOLO II (4)4.352.658,00
(4) Compilare il quadro 5 relativo al riepilogo delle spese in conto capitale.


SPESE PER RIMBORSO PRESTITI
VociImporto
Rimborso per anticipazioni di cassa6.000.000,00
Rimborso di finanziamenti a breve termine0
Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti97.500,00
Rimborso di prestiti obbligazionari0
Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali0
TOTALE TITOLO III6.097.500,00


SPESE PER SERVIZI PER CONTO DI TERZI
VociImporto
TOTALE TITOLO IV3.272.222,00
TOTALE GENERALE DELLE SPESE19.829.981,00


QUADRO 4 - RIEPILOGO SPESE CORRENTI ( * )

QUADRO 5 - RIEPILOGO SPESE IN CONTO CAPITALE ( * )

QUADRO 6 - GENERALE RIASSUNTIVO ( * )
(gli importi sono espressi in Euro)


ENTRATE
VociCompetenza
TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE2.568.000,00
TITOLO II - ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO,DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI ANCHE IN RAPPORTO ALL'ESERCIZIO DI FUNZIONI DELEGATE DALLA REGIONE2.529.541,00
TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE1.030.155,00
TITOLO IV - ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI.764.658,00
Totale Entrate finali6.892.354,00
TITOLO V - ENTRATE DERIVENTI DA ACCENSIONI DI PRESTITI9.600.000,00
TITOLO VI - ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO TERZI3.272.222,00
Totale19.764.576,00
Avanzo di Amministrazione65.405,00
TOTALE COMPLESSIVO ENTRATE19.829.981,00


SPESA
VociCompetenza
TITOLO I - SPESE CORRENTI6.107.601,00
TITOLO II - SPESE IN CONTO CAPITALE4.352.658,00
Totale spese finali10.460.259,00
TITOLO III - SPESE PER RIMBORSO DI PRESTITI6.097.500,00
TITOLO IV - SPESE PER SERVIZI CONTO DI TERZI3.272.222,00
Totale19.829.981,00
Disavanzo di Amministrazione0
TOTALE COMPLESSIVO SPESE19.829.981,00


RISULTATI DIFFERENZIALI - equilibrio corrente
VociCompetenza
Entrate titolo I-II-III (+)6.127.696,00
Spese Correnti (-)6.107.601,00
Quote di capitale di ammortamento mutui e prestiti obbligazionari (-)97.500,00
Utilizzo di avanzo di amministrazione per il finanziamento di spese correnti (A) (+) di cui :65.405,00
__ 1) debiti fuori bilancio di parte corrente 0
__ 2) spese di funzionamento65.405,00
Entrate diverse destinate a spese correnti (B) (+) di cui :24.000,00
__ 1) quote dei proventi per permessi di costruire e sanzioni (art. 2,co. 8 L.244/07)24.000,00
__ 2) assunzione di mutui per il finanziamento di debiti fuori bilancio di parte corrente **0
__ 3) alienazione di patrimonio per il finanziamento di debiti fuori bilancio di parte corrente0
__ 4) utilizzo del plusvalore realizzato con l'alienazione di beni patrimoniali (art.3, co.28, L.350/03)0
__ 5) altre entrate0
Entrate correnti destinate a spese di investimento (C) (-) di cui :12.000,00
__ 1) proventi del servizio di fognatura e depurazione(art.14, L.36/94)0
__ 2) contributo per l'utilizzo di risorse geotermiche e per la produzione di energia elettrica (art.17, L.896/86)0
__ 3) imposta sulla pubblicita' negli ascensori in servizi pubblici (art.3, L.235/93)0
__ 4) sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni al codice della strada12.000,00
__ 5) altre entrate0
Entrate diverse utilizzate per il rimborso della quota di capitale di ammortamento dei mutui e dei prestiti obbligazionari (D) (+) di cui :0
__ 1) quota dei contributi a valere sul fondo nazionale ordinario per gli investimenti (art.94, co.11, L.289/02)0
__ 2) utilizzo del plusvalore realizzato con l'alienazione di beni patrimoniali (art.1, co.66, L.311/04)0
__ 3) altre entrate0
Differenza *0
* La differenza, per il rispetto dell'equilibrio corrente di cui all'art.162 del T.U. Enti Locali, non può essere inferiore a 0.
** Per debiti maturati anteriormente alla data di entrata in vigore della legge costituzionale 18 ottobre 2001, n.3.


RISULTATI DIFFERENZIALI - equilibrio finale
VociCompetenza
Entrate finali (avanzo + titoli I-II-III-IV) (+)6.957.759,00
Spese finali (disavanzo + titoli I-II) (-)10.460.259,00
Saldo netto da finanziare (-) o da impiegare (+)-3.502.500,00




QUADRO 6 - BIS - PIANO DI ALIENAZIONE E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI (2) (5)
(gli importi sono espressi in Euro)

VociN. unitàValore complessivo
Fabbricati non residenziali00
Fabbricati residenziali00
Terreni00
Altri beni00
TOTALE00
(2) Art. 58 L.133/08.
(5) Il contenuto del piano delle alienazioni e valorizzazioni immbiliari non presenta
correlazione
con la predisposizione del bilancio di previsione, nel significato che gli immobili inclusi
nel piano sono suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione,ma non per questo
comportano o richiedono di prevederne la vendita nel bilancio di previsione di cui
costituiiscono allegato.




QUADRO 6 - TER - PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE OPERE PUBBLICHE (3)
(gli importi sono espressi in Euro)

VociImporto previsto nel bilancio
di
previsione 2010
Mutuo o altre forme di indebitamento3.600.000,00
Entrate da permessi da costruire196.000,00
Alienazioni patrimoniali da realizzare (6)30.000,00
Contributi di enti del settore pubblico514.658,00
Entrate acquisite mediante apporti di capitali privati0
Avanzo di amministrazione0
Entrate correnti di bilancio diverse dai contributi12.000,00
Altro (4)0
TOTALE4.352.658,00
(3) Ove l'intervento sia finanziato con più fonti di finanziamento vanno inseriti i dati
disaggregati  per ciascuna fonte.
(4) Nella voce 'Altro', vanno anche inserite altre eventuali fonti di finanziamento
diverse dalle tipologie indicate
(6) L'attivazione della corrispondente spesa va avviata solo dopo la realizzazione
dell'alienazione.




QUADRO 6 - QUATER - ESTERNALIZZAZIONE ATTRAVERSO AZIENDE E SOCIETA'
(gli importi sono espressi in Euro)


RISULTATI DI ESERCIZIO DELLE DIECI PRINCIPALI AZIENDE
E SOCIETA'
PER FATTURATO - BILANCIO 2008
VociForma giuridica - Tipologia di azienda o società (2) Campo di attività A (3) (4)Campo di attività B (3) (4)Campo di attività C (3) (4)Fatturato registrato o valore produzionePercentuale di partecipazione o di capitale di dotazione (5)Patrimonio netto azienda o società (6)Risultato di esercizio positivo o negativo
N. forma giuridica Tipologia azienda o società255522.618.0465101.3961.029
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
(2) Indicare solo se trattasi 1- azienda speciale, 2- società per azioni, 3- società r.l.
(3) Indicare l'attività esercitata dalle società in base all'elenco riportato a fine certificato
(4) Indicare da uno a tre codici corrispondenti alle tre attività che incidono, per
prevalenza,
sul fatturato complessivo della società.
(5) Si intende la quota di capitale sociale sottoscritto per le società di capitali.
(6) Si intende il capitale sociale più fondi di riserva per la società di capitale e il capitale
di dotazione più fondi di riserva per le aziende speciali ed i consorzi-azienda.
-
 ELENCO ATTIVITA' ESTERNALIZZATE ATTRAVERSO AZIENDE E SOCIETA'
001 - Trasporto scolastico,refezione e altri servizi scolastici.
002 - Biblioteche,musei,pinacoteche,teatri e altri servizi del settore culturale.
003 - Gestione impianti sportivi.
004 - Trasporti pubblici locali e servizi connessi.
005 - Smaltimento rifiuti e tutela ambientale.
006 - Asili nido,servizi per l'infanzia e per i minori.
007 - Servizi di protezione sociale diversi da asili nido e servizi per l'infanzia e per
i minori.
008 - Servizi produttivi ad eccezione farmacie.
009 - Farmacie.
010 - Servizi di promozione del turismo.
011 - Gestione dei beni demaniali e patrimoniali.
012 - Servizi a domanda individuale diversi da attività già indicate.
013 - Altro.




QUADRO 7 - SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE ( * )
(gli importi sono espressi in Euro)

VociSPESE-PersonaleSPESE-Altre speseSPESE-TOTALEENTRATE (5)
Alberghi, case di riposo e di ricovero0000
Alberghi diurni e bagni pubblici0000
Asili nido0000
Convitti,campeggi,case per vacanze, ostelli0000
Colonie e soggiorni stagionali,stabilimenti termali0000
Corsi extra scolastici di insegnamento di arti e sport e altre discipline, fatta eccezione per quelli espressamente previsti per legge0000
Giardini zoologici e botanici0000
Impianti sportivi: piscine,campi da tennis,di pattinaggio, impianti di risalita e simili023.000,0023.000,004.205,00
Mattatoi pubblici0000
Mense comprese quelle ad uso scolastico0000
Mercati e fiere attrezzati0000
Parcheggi custoditi e parchimetri0000
Pesa pubblica0000
Servizi turistici diversi: stabilimenti balneari,approdi turistici e simili0000
Spurgo pozzi neri0000
Teatri, musei,pinacoteche, gallerie,mostre e spettacoli0000
Trasporti di carni macellate0000
Trasporti funebri, pompe funebri e illuminazioni votive 0000
Uso di locali adibiti a stabilimenti ed esclusivamente a riunioni non istituzionali: auditorium, palazzo dei congressi e simili0000
Collegamenti di impianti di allarme con centrali operative della Polizia Locale0000
Altri09.000,009.000,006.000,00
TOTALI032.000,0032.000,0010.205,00
( * ) Gli importi vanno riportati con due zero dopo la virgola.
L'arrotondamento dell'ultima unità è effettuato per eccesso qualora la prima cifra decimale sia superiore o uguale a cinque;
L'arrotondamento è effettuato per difetto qualora la prima cifra decimale sia inferiore a cinque.
(5) Entrate da tariffe e contribuzioni ed a specifica destinazione.




QUADRO 7 - PERCENTUALE DI COPERTURA
(gli importi sono espressi in Euro)

VociDati
La copertura del costo complessivo dei servizi a domanda individuale è pari al _________%31,89


QUADRO 9 - SERVIZI A CARATTERE PRODUTTIVO ( * )
(gli importi sono espressi in Euro)

VociSPESE-PersonaleSPESE-Altre speseSPESE-TOTALEENTRATE
Acquedotto0000
Distribuzione del gas metano0000
Farmacia0000
Altri0000
TOTALI0000
Quadri presenti con il NUOVO modello
Quadro 1SITUAZIONE RIASSUNTIVA
Quadro 2ENTRATE
Quadro 3SPESE ( * )
Quadro 4RIEPILOGO SPESE CORRENTI ( * )
Quadro 5RIEPILOGO SPESE IN CONTO CAPITALE ( * )
Quadro 6GENERALE RIASSUNTIVO
Quadro 7SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE
Quadro 9SERVIZI A CARATTERE PRODUTTIVO ( * )


BILANCIO DI PREVISIONE 2010 COMUNICATO AL MINISTERO
ATO PA1, Bilancio PREVENTIVO 2010, Comandante, Consiglio Comunale Tributario, D.L.78 2010 art 18, Elusione, Evasori, IRPEF, leoncino, Pappagallo, Rifiuti, sanzioni Amministrative, TARSU, Tributi,

Nessun commento:

Posta un commento