"Senza una nuova coscienza noi, da soli, non ce la faremo mai "





Rocco Chinnici

giovedì 8 settembre 2011

Bilancio 2010 Previsionale Ragioniere Fontanetta torna Capo Settore 2 servizio Econ Finan. ed ad Interim Personale 7 settore

*2010 Isola Delle Femmine Risultato ostreopsis spp cellule/litro 21.480 nel 2006 tra le 8/10.000 spp cellule/litro


 
Bilancio 2010 - Definizione degli indirizzi operativi per lo sviluppo dei provvedimenti gestionali realtivi alle attività istituzionali del Comune, individuazione dei capitoli di spesa affidati alla gestione dei responsabili dei settori
Atto numero 64  del 17-06-2010
Tipo di Atto: DELIBERA DI GIUNTA
Allegato: DELIBERA G.M. 064.10..pdf (2964 kb) File con estensione pdf

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
Provincia di Palermo
DETERMINAZIONE DEL SINDACO
N. 1 DEL 7 GENNAIO 2010OGGETTO:
“Conferimento incarico della posizione organizzativa al rag. Biagio Fontanetta”.
IL SINDACO
Visto
il Regolamento degli Uffici e dei servizi comunali, come rielaborato con deliberazione della  G.C. n. 29 del 14/02/2002;
Considerato  che, con il medesimo Regolamento, la struttura organizzativa del Comune è articolata  in n. 8 settori di cui alla deliberazione della G. C. n. 110 del 5/11/2007;
Visti  gli artt. 20, 22, 23 e 26 del medesimo Regolamento che disciplinano le modalità e i criteri per il  conferimento dell’incarico di responsabile di Settore;
Ritenuto  necessario conferire l’incarico di responsabile del Settore Economico Finanziario al fine di  garantire il funzionamento della macchina comunale in tale Settore dove è indispensabile la presenza del Responsabile;
Ritenuto , altresì, conferire allo stesso Funzionario la Responsabilità ad interim del 7° Settore
“Gestione giuridico-economica del Personale e gestione delle risorse umane”:
Visti  gli articoli 8, 9, 10 del CCNL sottoscritto il 31 marzo 1999, relativi al conferimento degli  incarichi per le posizioni organizzative ed alla retribuzione di posizione e retribuzione di risultato;
Ritenuto  inoltre di dover fissare la retribuzione di posizione prevista dall’art. 10 del citato CCNL  nell’importo di € 9.000,00 lordi per 13 mensilità, così come già fissato per posizioni organizzative già conferite;
D E T E R M I N A
CONFERIRE
ai sensi degli artt. 20, 22, 23 e 26 del Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e  dei Servizi comunali, approvato con deliberazione della G.C. n.29 del 14/02/2002, l’incarico della posizione organizzativa e dei poteri dirigenziali e gestionali, previsti dagli articoli 8, 9, 10 del CCNL sottoscritto il 31 marzo 1999, per il 2° Settore “Economico-Finanziario” e, ad interim, per il 7° Settore “Gestione giuridicoeconomica del Personale e gestione delle risorse umane” al Rag. Biagio Fontanetta, a far data dall’1.1.2010.
STABILIRE
in € 9.000,00 lorde per 13 mensilità, la retribuzione di posizione prevista dall’art.10  del citato CCNL, per la posizione organizzativa conferita.
Trasmettere  la presente determinazione al competente Ufficio del personale perché ne curi la  notifica al Rag. Biagio Fontanetta e alle OO.SS.
Il Sindaco
Prof. Gaspare Portobello
Conferimento incarico della posizione organizzativa al rag. Biagio Fontanetta.
Atto numero 1

del 07-01-2010 Tipo di Atto: DETERMINA SINDACO
Allegato:
DET. 001.10 SINDACO.pdf(14 kb) 






COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE Provincia di Palermo
DETERMINAZIONE DEL SINDACO N.22 DEL 06 LUGLIO 2009

OGGETTO: “Conferimento incarichi di Responsabile di Servizio.

IL SINDACO

Visto il Regolamento degli Uffici e dei servizi comunali, come rielaborato con deliberazione della G.C. n. 29 del 14/02/2002;
Considerato che, con il medesimo Regolamento, la struttura organizzativa del Comune è articolata in n. 8 settori di cui alla deliberazione della G. C. n. 110 del 5/11/2007;
Visti gli articoli 20, 22, 23 e 26 del medesimo Regolamento che disciplinano le modalità e i criteri per il conferimento dell’incarico di responsabile di Settore e di Servizio;
Ritenuto, pertanto, di dover conferire ai dipendenti sotto elencati l’incarico di Responsabile di Servizio:
· Bruno Giuseppe – Responsabile “Stato Civile e Leva”- 1° Settore; ·
Bruno Maria Laura - Responsabile “Viabilità”- 4° Settore;
· Costanza Calogera - Responsabile “Pubblica Istruzione, Cultura, Sport e Turismo - ” 1° Settore;
· D’Amico Gabriella - Responsabile “Biblioteca Comunale” 1° Settore;
· Fontanetta Biagio - Responsabile “Gestione Risorse Finanziarie” 2° Settore;
· Giordano Pietro - Responsabile “Segreteria del Sindaco” 1° Settore;
· Notarstefano Rosina - Responsabile “Attività Socio-Assistanziali” 1° Settore; · Noto Antonio - Responsabile “Manutenzione - Servizi Cimiteriali” 5° Settore; · Simanella Vincenzo - Responsabile “Ufficio Protocollo ed Albo Pretorio” 1° Settore;
· Terreno Giuseppe - Responsabile “Anagrafe, Elettorato, Censimenti e Autenticazioni” 1° Settore;
· Valguarnera Sergio - Responsabile “Urbanistica ed Edilizia Privata” 3° Settore;
D E T E R M I N A CONFERIRE per i motivi espressi in narrativa, ai sensi degli artt. 20, 22, 23 e 26 del Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e dei Servizi comunali, approvato con deliberazione della G.C. n.29 del14/02/2002, gli incarichi di Responsabile del Servizio ai dipendenti sotto elencati:
· Bruno Giuseppe – Responsabile “Stato Civile e Leva”- 1° Settore;
· Bruno Maria Laura - Responsabile “Viabilità”- 4° Settore; · Costanza Calogera - Responsabile “Pubblica Istruzione, Cultura, Sport e Turismo - ” 1° Settore;
· D’Amico Gabriella - Responsabile “Biblioteca Comunale” 1° Settore;
· Fontanetta Biagio - Responsabile “Gestione Risorse Finanziarie” 2° Settore;
· Giordano Pietro - Responsabile “Segreteria del Sindaco” 1° Settore;
· Notarstefano Rosina - Responsabile “Attività Socio-Assistanziali” 1° Settore; · Noto Antonio - Responsabile “Manutenzione - Servizi Cimiteriali” 5° Settore; · Simanella Vincenzo - Responsabile “Ufficio Protocollo ed Albo Pretorio” 1° Settore;
· Terreno Giuseppe - Responsabile “Anagrafe, Elettorato, Censimenti e Autenticazioni” 1° Settore;
· Valguarnera Sergio - Responsabile “Urbanistica ed Edilizia Privata” 3° Settore;

REMUNERARE i dipendenti sopra elencati, con il compenso per specifiche responsabilità previsto dall’art. 17, c.2, lett.f), del CCNL 01.04.09, nell’importo stabilito dalla D.T. nella seduta del 06.03.09.DARE ATTO che, l’impegno di spesa per il pagamento dell’indennità di cui sopra è stato assunto per l’anno 2009 con Determinazione del Responsabile del 1° Settore n.76 del 27.02.2009.
IL SINDACO Prof. Gaspare Portobello

Conferimento incarichi di Responsabile di Servizio. Atto numero 22 del 06-07-2009 Tipo di Atto: DETERMINA SINDACO Allegato: DETERMINA N. 22.pdf (12 kb)    


Pianta organica Comune di Isola delibera 110 e contestazioni sindacali

ISTITUZIONE SETTORI AL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE 









GIA' NEL 2007 SI ERA SINDACALMENTE CONTESTATO LO SMEMBRAMENTO DEI SETTORI DA PARTE DELLA C.G.I.L. E DELLA U.I.L.

Palermo 7 Dicembre 2007-12-17Spett:le Comune Isola delle Femmine

Oggetto:Deliberazione di G.M. n 110 del 5.11.07 recante “Rideterminazione dotazione organica” e provvedimenti applicativi. Diffida

Con la presente la CGIL FP denuncia l’antisidacalità delle condotta tenuta dal Comune di isola delle Femmine e formula diffida a revocare, con effetto immediato, la deliberazione di G.M. 110 del 5.11.07, recante approvazione della rideterminazione della dotazione organica, nonché ogni atto applicativo della stessa.
In particolare, la predetta deliberazione 110/2007, di cui la scrivente O.S. non è mai stata informata, non è stata preceduta dalla “previa consultazione sindacale” obbligatoria sancita dall’art 6, comma 1 del D Lgs 165/2001, come recepito dall’art 7 comma 4 del CCNL di comparto del 1/4/1999, confermato dal vigente CCNL 2002/2005.
A quanto sopra si aggiunga che la predetta deliberazione, oltre a prevedere lo smembramento dei quattro originari settori, procedura che comporterà un aggravio finanziario ingiustificato in capo all’ente, dovendosi procedere alla nomina di nuovi capi settore con attribuzione della relativa indennità di posizione e di risultato, avrà indubbie ricadute sull’andamento generale dei processi occupazionali, materia, questa, oggetto di concertazione obbligatoria ai sensi dell’art 8 lettera d del CCNL 1/4/1999.
Con la presente pertanto, la scrivente OS nel formulare richiesta di concertazione ai sensi del comma 2 dell’art 8 citato, diffida Codesto Ente a sospendere senza indugio gli effetti della deliberazione emarginata in oggetto nonché di ogni atto eventualmente nelle more adottato in attuazione della medesima.
Con l’avvertenza che, in difetto di riscontro nei termini prescritti dalla contrattazione collettiva di comparto, la scrivente si vedrà costretta a tutelare le proprie prerogative gravemente pregiudicate dalla condotta del Comune di Isola delle Femmine avanti l’Autorità Giudiziaria competente.
Il Segretario della CGIL FP Michele Palazzotto

UIL PPL SEGRETERIA AZIENDALE COMUNE ISOLA DELLE FEMMINE
Prot 10 5. dicembre 2007-12-17
AL CAPO DEL 1° SETTORE AMMINISTRATIVO
E p.c. Al Signor Sindaco
Al Segretario Comunale-Direttore Generale
Alle OOSS Aziendali
Alla RSU
Ai Lavoratori Comunali
Alla UIL FPL Segreteria Provinciale di Palermo
Oggetto: Richiesta revoca delle deliberazioni del capo del 1° Settore amministrativo n 387-388 e 389 del 16.11.07 riguardanti la indizione di procedure selettive per progressioni verticali per posti diversi.
Con le determinazioni in oggetto si è proceduto alla indizione di selezioni ai sensi dell’art 4 del CCNL 31.3.1999 per il passaggio dalla categoria A alla B e dalla categoria C alla D, ma non anche per il passaggio dalla categoria B alla C, come previsto dalla deliberazione della GM 44 del 6.4.2007, modificata dalla deliberazione n 49 del 16.4.2007 che approva il programma dei fabbisogni del personale prescritto dall’art 39 della legge 449/97.
Si nota prioritariamente che il richiamo, contenuto nei rispettivi avvisi di selezione approvati ed allegati alle determine in oggetto, all’art 26 del CCDI approvato dalla D.T nella seduta del 7.12.1999, che regolamenta alcuni aspetti della procedura selettiva, invalida per ciò stesso il provvedimento dal momento che il CCDI/199 ha cessato di esistere a seguito dell’entrata in vigore del nuovo CCDI sottoscritto dalla D.T. del 5 maggio 2006 il quale al riguardo non prevede nulla se non che l’Ente deve prioritariamente concordare con le OO.SS. le procedure selettive per il passaggio dei dipendenti alla categoria immediatamente superiore, procedure che dovranno essere poi recepite con provvedimento dell’organo esecutivo, come infatti è stabilito dagli art 4 e 16 comma 2 lettera a del CCNL del 31.3.99 secondo cui i criteri generali della disciplina dello svolgimento delle selezioni per i passaggi tra categorie debbono essere adottati dal Comune previa espressa e specifica concertazione con le OO.SS.
Non risulta però che ciò sia mai compiutamente avvenuto né che sia stato adottato apposito Regolamento. Rimane in vigore il Regolamento degli Uffici e servizi che disciplina agli art 96 e seguenti soltanto concorsi interni per i titoli datati addirittura in epoca anteriore al CCNL del 31.3.99 norme rimaste pressoché invariate anche dopo le modifiche apportate nel 2002, alle quali tra l’altro non è stata data completa applicazione, e comunque da modificare per quanto sopra esposto.
Manca inoltre l’assunzione dell’impegno di spesa che deve essere obbligatoriamente previsto in quanto le selezioni fanno parte della priorità per l’anno in corso stabilite dal programma di fabbisogno del personale di cui alla deliberazione della G.M. suddetta procedura che viene invece rinviata ad un momento successivo, e cioè all’atto di inquadramento sulla base della disponibilità finanziarie dell’Ente.
Per questi motivi si invita la S.V. ai sensi dell’art 10 comma 3 del vigente CCDI a volere revocare gli atti indicati in oggetto ed a riproporli dopo concordati con le OO.SS i criteri di cui sopra e dopo il loro recepimento nell’ordinamento comunale
Il Segretario Aziendale


AL SIGNOR SindacoE p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Incarico di responsabile posizione organizzativa 1° Settore

La S.V. ponendo fine all’anomala situazione protrattasi dal 2002 ad oggi, dell’affidamento cioè della posizione di Capo del 1° Settore Amministrativo e delle relative funzioni dirigenziali al Direttore Generale, che l’Assessorato Regionale famiglia e politiche sociali in casi analoghi in latri Comuni ha giudicato sempre illegittimo e tale da comportare l’annullamento di tutti gli atti adottati, senza pensare minimamente a definire prioritariamente la situazione organizzativa dell’Ente con il ripristino almeno dei Settori originariamente istituiti negli anni 90, poi moltiplicati all’iverosimile ed infine in gran parte assurdamente cancellati con grave danno per l’efficienza dei servizi, ha posto in essere a parere della scrivente O.S. una altrettanta anomala situazione illegittima, e cioè quella di affidare il 1° megasettore amministrativo intuitu personae senza alcun rispetto delle regole di correttezza amministrativa e senza operare alcuna comparazione, fatto che mortifica la professionalità e le aspettative di tutti quei dipendenti che in passato analoga attività di capo Settore avendo anche maggiori titoli e requisiti professionali dell’attuale beneficiaria, così come già avvenuto in occasione della esemplare copertura del posto di Comandante VV.UU. e dell’attribuzione allo stesso delle funzioni dirigenziali.
Si rappresenta intanto che il vigente regolamento sull’ordinamento degli Uffici e dei servizi non è conforme a norma essendo stato modellato su un regolamento di grosse città dove, tanto per fare un esempio, le funzioni dei Capi Settori coincidono con quelle dei Dirigenti e non è pertanto applicabile a questo Comune ed è totalmente da ridefinire.
Si rappresenta inoltre che la S.V. non poteva nominare, come ha fatto, trattandosi di un atto di gestione, il Capo del 1° Settore, posto vuoto che andava coperto prima dell’attribuzione delle funzioni dirigenziali in base alle previste normali procedure e men che meno poteva nominare responsabile del 1° Servizio (posto anch’esso vuoto) lo stesso Capo del 1° Settore, intendosi assorbita la funzione di Capo Servizio da quella del capo Settore, finché il posto è vuoto o non assegnato, non potendosi concentrare nella stessa persona le funzioni di controllore e controllato od essere contemporaneamente capo e dipendente di se stessi.
Si evidenzia ancora la mancata determinazione del quantum e la mancata assunzione del relativo impegno di spesa.
Si fa presente infine che nei piccoli Comuni la normativa applicabile è soltanto quella derivante dall’art 11 del CCNL 31/3/199 e dall’art 15 del CCNL 22/1/2004 che consente l’affidamento delle funzioni dirigenziali esclusivamente ai titolari di posizioni apicali formalmente attribuite mediante regolari e formali coperture dei relativi posti ai sensi di legge.
Per quanto sopra evidenziato, si invita la S.V. a revocare la propria determinazione n 13 del 28.6.07 ed a concertare con le OOSS il ripristino dell’originario assetto organizzativo, composto da circa 6 settori, che si continua a ritenere molto equilibrato ed in linea con la maggior parte dei Comuni, compresi quelli viciniori, oppure l’adozione di un nuovo modello organizzativo con la copertura dei posti di Capo Settore che si andranno a prevedere e con l’attribuzione agli stessi delle funzioni dirigenziali.
Diversamente verranno intraprese tutte le iniziative volte all’annullamento dell’atto di che tratasi ed alla continua ed instancabile sensibilizzazione perché si pervenga in tempi brevi ad una nuova e razionale struttura organizzativa.




AL SIGNOR Sindaco 24.7.07
E p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Determina del Sindaco n 18 del 5.7.07
Non comprendiamo perché la S.V., abbia adottato l’atto in oggetto indicato, atto di pura gestione amministrativa, non avendone la competenza e rendendolo nullo di pieno diritto.
La invitiamo pertanto a revocarlo e a farlo adottare a chi di competenza, previa definizione dei criteri generali per il conferimento delle mansioni superiori.
Si coglie l’occasione per ricordare che contestualmente alla nomina, e comunque entro novanta giorni dalla data in cui i dipendenti verranno adibiti a svolgere mansioni superiori, dovranno essere avviate le procedure per la copertura dei corrispondenti posti vacanti di organico, ai sensi dell’art 56 del D.Lgs 29/1993 e successive modificazioni e dell’art 8 del CCNL 14/9/2000, trasfusi nellart 12 del Regolamento degli Uffici e dei servizi comunali.




AL SIGNOR Sindaco 24.7.07
E p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Determina del Sindaco n 16 del 3.7.07

Non comprendiamo perché la S.V., abbia adottato l’atto in oggetto indicato soltanto per il Capo 3°Settore Tecnico e non anche per i capi degli altri Settori, che ci risultano anch’essi privi di supplenti “pro-tempore”.
La invitiamo pertanto a provvedere.






AL SIGNOR Sindaco 24.7.07
E p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Deliberazione G.M. 69 del 29.6.2007 Indirizzi gestionali per la stabilizzazione del personale precario (Legge 296/2006-Finanziaria 2007)


Non comprendiamo perché la G.M.., abbia adottato l’atto in oggetto indicato, dal momento che nel Comune non vi è personale precario subordinato o parasubordinato, riconducibile alla fattispecie prevista dalla normativa in oggetto, da stabilizzare.
A meno che non si voglia fare riferimento ai n 2 professionisti tecnici legati al Comune da rapporti professionali. Ma essi non rientrano assolutamente nella ipotesi prevista dalla legge, non possedendo i requisiti richiesti per la stabilizzazione.
Il loro infatti è soltanto un rapporto professionale, non di lavoro flessibile.
Da liberi professionisti esercitano infatti una propria attività professionale, contestualmente al rapporto che li lega al Comune, sulla base della loro iscrizione a specifici ABI PROFESSIONALI, essendo titolari di partita IVA e rilasciando per la loro attività e prestazioni regolari fatture.
Si invita pertanto la S.V. a fare revocare l’atto suddetto.
DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N 70 DEL 3.7.07 ESECUZIONE IMMEDIATA
Oggetto Bilancio 2007 Definizione degli indirizzi operativi per lo sviluppo dei provvedimenti gestionali relativi alle attività istituzionali del comune, individuazione dei capitoli di spesa affidati alla gestione dei responsabili dei settori.
Su disposizione del Sindaco il Direttore Generale sottopone alla Giunta Comunale la seguente proposta avente per oggetto: Bilancio 2007 Definizione degli indirizzi operativi per lo sviluppo dei provvedimenti gestionali relativi alle attività istituzionali del comune, individuazione dei capitoli di spesa affidati alla gestione dei responsabili dei settori.
IL DIRETTORE GENERALE
Vista la deliberazione consiliare 19 del 7.6.07 con la quale è stato adottato il bilancio di pervisione 2007, ed i relativi allegati;
Visto l’art 107 comma 1 del D.Lgs 18.8.2000 n 267 che prevede “Spetta ai dirigenti la direzione degli uffici e dei servizi secondo i criteri e le norme dettati dagli statuti e dai regolamenti.. Questi si uniformano al principio per cui i poteri di indirizzo e di controllo politico-amministrativo spettano agli organi di governo, mentre la gestione amministrativa, finanziaria e tecnica è attribuita ai dirigenti mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo.
Richiamato l’art 4 comma 2 del D Lgs 30.2.2001 n 165, laddove dispone: “Ai dirigenti spetta l’adozione degli atti e dei provvedimenti amministrativi, compresi tutti gli atti che impegnano l’amministrazione verso l’esterno, nonché la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa mediante autonomi poteri di spesa di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo. Essi sono responsabili in via esclusiva dell’attività amministrativa, della gestione e dei relativi risultati.
Visto l’art 169 del D.Lgs 267/2000, secondo cui “1 Sulla base del bilancio di previsione annuale deliberato dal consiglio, l’organo esecutivo definisce, prima dell’inizio dell’esercizio, il pianon esecutivo di gestione, determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei Servizi. 2 Il piano esecutivo di gestione contiene una ulteriore graduazione delle risorse delle entrate in capitoli, dei servizi in centri di costi e degli interventi in capitoli. 3 L’applicazione dei commi 1 e 2 del presente articolo è facoltativa per gli enti locali con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti e per le comunità montane”;
Ritenuto necessario, seppure questo Comune consta di una popolazione inferiore ai 15.000 abitanti, avvalersi della facoltà di dotarsi del PEG, in quanto trattasi di uno strumento dei principi dell’ordinamento vigente in tema di enti locali;
Visto l’allegato Piano Esecutivo di Gestione, proposto dal Direttore Genrale ai sensi dell’art 108, comma 1 del D.Lgs 267/2000, predisposto ai sensi del successivo art 169, comprendente, per ogni centro di responsabilità, l’elenco dei relativi centri di costo, centri gestori, obiettivi gestionali, capitoli di spesa e di entrata, assegnazione delle risorse umane, attribuzione delle risorse strumentali e dei beni patrimoniali e livelli di attività previsti;
Dato atto che gli “obiettivi gestionali” contenuti nell’allegato PEG sono stati concordati con il Direttore Generale con i responsabili dei centri di responsabilità, e sono da ritenersi a tutti gli effetti validi quali “Piano dettagliato di obiettivi” ai sensi del conbinato disposto dell’art 108 comma 1 con l’art 197 comma 2 lettera a) del D.Lgs 267/2000;
Dato altresì atto che nel sopraccitato piano gli obiettivi sono individuati i risultati che l’amministrazione intende cogliere mediante l’opera di attuazione del PEG da parte dei responsabili dei servizi;
Preso atto della riforma generale relativa all’ordinamento contabile e finanziario, nonché all’ordinamento delle autonomie locali, con particolare riferimento al disegno di separazione dei ruoli tra organi politici (Giunta) ed organi tecnici (responsabili dei settori) e ritenuto quindi il Piano esecutivo di gestione strumento non unicamente finanziario, ma di programmazione;
Ritenuto, per quanto sopra evidenziato, di individuare quali responsabili della gestione del PEG e del conseguimento dei risultati previsti i seguenti responsabili di settori:
Sig Pirrone Nunzia responsabile del Settore 1° Amministrativo incaricato con D.S. n 13 del 28 giungno 2007;
Rag Biagio Fontanetta responsabile del 2° Settore Economico Finanziario incaricato con D.S. n 6 del 28 febbraio 2002;
Arch D’Arpa Sandro responsabile del 3° Settore Tecnico incaricato con D.S. n 32 del 16.11.2005;
Signor Croce Antonio responsabile del Settore 4° Polizia Municipale incaricato con D.S. 53 del 29.12.2003;
Dato atto che ai sensi dell’art 177 del già citato D.Lgs 267/2000 “1 Il responsabile del servizio, nel caso in cui ritiene necessaria una modifica della dotazione assegnata per sopravvenute esigenze successive all’adozione degli atti di programmazione, propone la modifica con modalità definite dal regolamento di contabilità;
Precisato che le spese continuative e ricorrenti, derivanti da delibere consiliari o di giunta e da contratti saranno effettuate dai responsabili dei servizi a valere sui fondi ad essi assegnati;
Visto il vigente regolamento di contabilità;
PROPONE
1)Di approvare il Piano Esecutivo di gestione allegato alla presente deliberazione definito per ciascuna risorsa ed intervento in capitoli e in articoli, in conformità con il bilancio di previsione 2007 (allegato A);
2)Di affidare ai responsabili dei servizi indicati in premessa la realizzazione degli obiettivi unitamente alle risorse necessarie;
3)Di autorizzare i responsabili dei settori adottare atti di gestione relativi ad attività istituzionali connesse a funzioni e compiti che il comune deve obbligatoriamente svolgere o che devono essere necessariamente sviluppate in modo continuativo, nel rispetto degli indirizzi individuati in premessa;
4)Di decidere che ciascun responsabile di servizio provvederà, altresì, all’attivazione delle procedure di acquisizione delle entrate di propria competenza, fornendo comunicazione al settore bilancio per la conseguente annotazione nelle scritture contabili;
5)Dare atto che le spese relative al personale ed all’ammortamento mutui allocate in ciascun centro di responsabilità vengono gestite per specifica competenza rispettivamente dal centro di responsabilità Personale e dal centro di responsabilità Bilancio e Programmazione Finanziaria;
6)Di stabilire che le variazioni contabili al bilancio ed al PEG e le relative modifiche agli stanziamenti sia in diminuzione che accrescitive costituiscono automatica modifica delle assegnazioni di fondi ai dirigenti;
7)Di riservarsi ulteriori integrazioni e puntualizzazioni qualora nel corso della gestione se ne verifichi la necessità.
Pareri ai asnsi degli art 151 art 153 c 4 del D.lgs 267/200
Ai sensi e per gli effetti dell’ art 151 si esprime parere favorevole sulla regolarità contabile, si attesta inoltre ai sensi dell’art 153 comma 4 la veridicità delle previsioni di entrata e la compatibilità delle previsioni di spesa, avanzate dai vari servizi iscritti nel bilancio di previsione anno 2007-12-12
http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2007/12/isola-delle-femmine-il-sindacato-stoppa.html

Settori,Servizi,Comune Isola delle Femmine,Sindacati,Elezioni Amministrative,Fontanetta,Orifici,Pirrone,Sindaco,Indennità Risultato,Voto di Scambio

FINANZA LOCALE: Certificati Preventivi

Cartina regionaleCartina Italia
Anno di riferimento:2010Ente selezionato:ISOLA DELLE FEMMINE (PA)
Tipo Ente:
COMUNECodice Ente:5190550410


QUADRO 1 - SI CERTIFICA
(gli importi sono espressi in Euro)

TIPO DELIBERA
-Valore
Deliberato con atto (2) 1
(2) il valore 1 indica che la deliberazione viene assunta con atto
del consiglio comunale;
il valore 2 indica che la deliberazione viene assunta con atto del
commissario straordinario;
il valore 3 indica che la deliberazione viene assunta con atto del
commissario prefettizio;
il valore 4 indica che la deliberazione viene assunta con atto della
commissione straordinaria;

QUADRO 1 - SITUAZIONE RIASSUNTIVA (1)
(gli importi sono espressi in Euro)

ENTRATE
DenominazionePrevisione definitiva del 2009Previsione 2010
approvata
Avanzo di Amministrazione27.948,0065.405,00
Tributarie2.186.000,002.568.000,00
Contributi e trasferimenti1.549.899,002.529.541,00
Extratributarie 1.453.963,001.030.155,00
Alienazioni ecc.747.929,00764.658,00
Assunzione di prestiti6.000.000,009.600.000,00
Servizi per conto di terzi2.675.000,003.272.222,00
TOTALI14.640.739,0019.829.981,00

SPESE
DenominazionePrevisione definitiva del 2009Previsione 2010
approvata
Disavanzo di Amministrazione00
Correnti 5.091.557,006.107.601,00
Conto Capitale 781.182,004.352.658,00
Rimborso di prestiti6.093.000,006.097.500,00
Servizi per conto di terzi2.675.000,003.272.222,00
TOTALI14.640.739,0019.829.981,00

 
Quadri presenti con il NUOVO modello
Quadro 1SITUAZIONE RIASSUNTIVA
Quadro 2ENTRATE
Quadro 3SPESE ( * )
Quadro 4RIEPILOGO SPESE CORRENTI ( * )
Quadro 5RIEPILOGO SPESE IN CONTO CAPITALE ( * )
Quadro 6GENERALE RIASSUNTIVO
Quadro 7SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE
Quadro 9SERVIZI A CARATTERE PRODUTTIVO ( * )

 

QUADRO 2 - ENTRATE ( * )
(gli importi sono espressi in Euro)



ENTRATE TRIBUTARIE
VociImporto
Categoria 1^ - Imposte1.420.000,00
I.C.I. su abitazione principale per fattispecie non esenti0
I.C.I. su fattispecie diversa da abitazione principale1.020.000,00
Imposta comunale sulla pubblicità30.000,00
Addizionale sul consumo di energia elettrica 150.000,00
Addizionale I.R.P.E.F.220.000,00
Compartecipazione I.R.P.E.F.0
Imposta di scopo0
Altre imposte0
Categoria 2^ - Tasse1.145.000,00
Tassa per l'occupazione degli spazi ed aree pubbliche45.000,00
Tassa per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani1.100.000,00
Tassa di concessione su atti e provvedimenti comunali0
Tariffa igiene ambientale (2)0
Altre tasse0
Categoria 3^ - Tributi speciali ed altre entrate tributarie proprie3.000,00
Diritti sulle pubbliche affissioni3.000,00
Altri tributi speciali0
TOTALE TITOLO I2.568.000,00
(2) Per i comuni che, ai sensi dell'ordinanza della Corte Costituzionale n.300/09
e della sentenza della Corte Costituzionale n.238/09, hanno collocato l'entrata
al titolo I.


ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI ANCHE IN RAPPORTO FUNZIONI DELEGATE DALLA REGIONE
VociImporto
Categoria 1^ - Contributi e trasferimenti correnti dallo Stato827.773,00
Fondo ordinario0
Fondo perequativo fiscalità locale0
Fondo per sviluppo investimenti0
Fondo consolidato0
Fondo per funzioni trasferite0
Trasferimenti compensativi per ICI sull'abitazione principale0
Altri827.773,00
Categoria 2^ - Contributi e trasferimenti correnti dalla Regione875.001,00
di cui: entrate da contribuzione regionale a specifica destinazione per finanziare spese di personale0
Categoria 3^ - Contributi e trasferimenti correnti dalla Regione per funzioni delegate775.267,00
di cui : entrate a specifica destinazione per finanziare spese di personale (3)0
CATEGORIA 4^ - Contributi e trasferimenti da parte di organismi comunitari e internazionali0
Categoria 5^ - Contributi e trasferimenti correnti da altri enti 51.500,00
TOTALE TITOLO II2.529.541,00
(3) Deve trattarsi di contributi attribuiti per finanziare espressamente le spese di personale.


ENTRATE EXTRATRIBUTARIE
VociImporto
Categoria 1^ - Proventi dei servizi pubblici1.005.955,00
Canone per l'installazione dei mezzi pubblicitari0
Entrate da sanzioni amministrative, ammende e oblazioni800.000,00
Altri proventi205.955,00
Categoria 2^ - Proventi di beni comunali20.700,00
C.O.S.A.P.0
Canone per concessioni cimiteriali (2)0
Canone pubblicità0
Altri proventi20.700,00
Categoria 3^ - Interessi su anticipazioni o crediti3.500,00
Categoria 4^ - Utili netti delle aziende speciali e partecipate,dividendi di società0
Categoria 5^ - Proventi diversi0
TOTALE TITOLO III1.030.155,00
(2) Le entrate derivanti da concessioni cimiteriali in diritto di superficie vanno collocate al titolo IV -categoria I delle entrate.


ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONE, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALI E
DA RISCOSSIONI DI CREDITI
VociImporto
Categoria 1^ - Alienazione di beni patrimoniali 30.000,00
Categoria 2^ - Trasferimenti di capitali dallo Stato100.000,00
Categoria 3^ - Trasferimenti di capitali dalla Regione65.000,00
Categoria 4^ - Trasferimenti di capitali da altri enti del settore pubblico349.658,00
Categoria 5^ - Trasferimenti di capitali da altri soggetti220.000,00
Entrate da permessi di costruire220.000,00
Altri trasferimenti0
Categoria 6^ - Riscossioni di crediti0
TOTALE TITOLO IV764.658,00


ENTRATE DERIVANTI DA ACCENSIONI DI PRESTITI
VociImporto
Categoria 1^ - Anticipazioni di cassa6.000.000,00
Categoria 2^ - Finanziamenti a breve termine0
Categoria 3^ - Assunzioni di mutui e prestiti3.600.000,00
Categoria 4^ - Emissioni di prestiti obbigazionari0
TOTALE TITOLO V9.600.000,00


ENTRATE DERIVANTI DA SERVIZI PER CONTO DI TERZI
VociImporto
TOTALE TITOLO VI3.272.222,00
TOTALE GENERALE DELLE ENTRATE19.764.576,00




QUADRO 2 - BIS - ALIQUOTE E TARIFFE
(gli importi sono espressi in Euro)



-
Descrizione Aliquote per unità di misuraTariffe per unità di misuraForma di riscossione (2)
ICI ordinaria - aliquota percentuale6,50campo non previsto nel modello5,00
ICI abitazione principale per le categorie non escluse -Aliquota percentuale 5,00campo non previsto nel modello5,00
Addizionale IRPEF - aliquota percentuale0,05campo non previsto nel modello1,00
TARSU per abitazione (mq) - Tariffacampo non previsto nel modello3,005,00
TIA per abitazione (mq) (3)campo non previsto nel modello11campo non previsto nel modello
TIA per abitazione(componenti familiari) (3)campo non previsto nel modello110campo non previsto nel modello
TIA per abitazione (mq) - Tariffacampo non previsto nel modello00
TOSAP per fattispecie ordinaria (mq) - Tariffacampo non previsto nel modello00
COSAP per fattispecie ordinaria (mq) -Tariffacampo non previsto nel modello41,001,00
(2) codice 1 : riscossione diretta
codice 2 : riscossione mediante aziende speciali
codice 3 : riscossione mediante S.p.A. o S.r.l. a prevalente capitale pubblico locale
codice 4 : riscossione mediante società miste
codice 5 : riscossione mediante concessionari
codice 6 : riscossione con altra fattispecie
(3) Indicare la tariffa relativa alla fattispecie prevalente per abitazione tenendo conto delle due componenti: quota fissa, rapportata alla superficie in mq.(cod. 2 252) e quota variabile rapportata al numero dei componenti del nucleo familiare (cod. 2 253). L'importo della tariffa va espresso
in euro e indicato al cod. 2 255 - Al cod. 2 252 e al codice
2 253 vanno indicati rispettivamente i mq. e il numero dei componenti il nucleo cui si riferisce la tariffa indicata.




( * ) Gli importi vanno riportati con due zero dopo la virgola.
L'arrotondamento dell'ultima unità è effettuato per eccesso qualora la
prima
cifra decimale sia superiore o uguale a cinque;
L'arrotondamento è effettuato per difetto qualora la prima cifra decimale
sia inferiore a cinque.

QUADRO 3 - SPESE ( * )
(gli importi sono espressi in Euro)



SPESE CORRENTI
VociImporto
TOTALE TITOLO I (3)6.107.601,00
(3) Compilare il quadro 4 relativo al riepilogo delle spese correnti


SPESE IN CONTO CAPITALE
VociImporto
TOTALE TITOLO II (4)4.352.658,00
(4) Compilare il quadro 5 relativo al riepilogo delle spese in conto capitale.


SPESE PER RIMBORSO PRESTITI
VociImporto
Rimborso per anticipazioni di cassa6.000.000,00
Rimborso di finanziamenti a breve termine0
Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti97.500,00
Rimborso di prestiti obbligazionari0
Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali0
TOTALE TITOLO III6.097.500,00


SPESE PER SERVIZI PER CONTO DI TERZI
VociImporto
TOTALE TITOLO IV3.272.222,00
TOTALE GENERALE DELLE SPESE19.829.981,00


QUADRO 4 - RIEPILOGO SPESE CORRENTI ( * )

QUADRO 5 - RIEPILOGO SPESE IN CONTO CAPITALE ( * )

QUADRO 6 - GENERALE RIASSUNTIVO ( * )
(gli importi sono espressi in Euro)


ENTRATE
VociCompetenza
TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE2.568.000,00
TITOLO II - ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO,DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI ANCHE IN RAPPORTO ALL'ESERCIZIO DI FUNZIONI DELEGATE DALLA REGIONE2.529.541,00
TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE1.030.155,00
TITOLO IV - ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI.764.658,00
Totale Entrate finali6.892.354,00
TITOLO V - ENTRATE DERIVENTI DA ACCENSIONI DI PRESTITI9.600.000,00
TITOLO VI - ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO TERZI3.272.222,00
Totale19.764.576,00
Avanzo di Amministrazione65.405,00
TOTALE COMPLESSIVO ENTRATE19.829.981,00


SPESA
VociCompetenza
TITOLO I - SPESE CORRENTI6.107.601,00
TITOLO II - SPESE IN CONTO CAPITALE4.352.658,00
Totale spese finali10.460.259,00
TITOLO III - SPESE PER RIMBORSO DI PRESTITI6.097.500,00
TITOLO IV - SPESE PER SERVIZI CONTO DI TERZI3.272.222,00
Totale19.829.981,00
Disavanzo di Amministrazione0
TOTALE COMPLESSIVO SPESE19.829.981,00


RISULTATI DIFFERENZIALI - equilibrio corrente
VociCompetenza
Entrate titolo I-II-III (+)6.127.696,00
Spese Correnti (-)6.107.601,00
Quote di capitale di ammortamento mutui e prestiti obbligazionari (-)97.500,00
Utilizzo di avanzo di amministrazione per il finanziamento di spese correnti (A) (+) di cui :65.405,00
__ 1) debiti fuori bilancio di parte corrente 0
__ 2) spese di funzionamento65.405,00
Entrate diverse destinate a spese correnti (B) (+) di cui :24.000,00
__ 1) quote dei proventi per permessi di costruire e sanzioni (art. 2,co. 8 L.244/07)24.000,00
__ 2) assunzione di mutui per il finanziamento di debiti fuori bilancio di parte corrente **0
__ 3) alienazione di patrimonio per il finanziamento di debiti fuori bilancio di parte corrente0
__ 4) utilizzo del plusvalore realizzato con l'alienazione di beni patrimoniali (art.3, co.28, L.350/03)0
__ 5) altre entrate0
Entrate correnti destinate a spese di investimento (C) (-) di cui :12.000,00
__ 1) proventi del servizio di fognatura e depurazione(art.14, L.36/94)0
__ 2) contributo per l'utilizzo di risorse geotermiche e per la produzione di energia elettrica (art.17, L.896/86)0
__ 3) imposta sulla pubblicita' negli ascensori in servizi pubblici (art.3, L.235/93)0
__ 4) sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni al codice della strada12.000,00
__ 5) altre entrate0
Entrate diverse utilizzate per il rimborso della quota di capitale di ammortamento dei mutui e dei prestiti obbligazionari (D) (+) di cui :0
__ 1) quota dei contributi a valere sul fondo nazionale ordinario per gli investimenti (art.94, co.11, L.289/02)0
__ 2) utilizzo del plusvalore realizzato con l'alienazione di beni patrimoniali (art.1, co.66, L.311/04)0
__ 3) altre entrate0
Differenza *0
* La differenza, per il rispetto dell'equilibrio corrente di cui all'art.162 del T.U. Enti Locali, non può essere inferiore a 0.
** Per debiti maturati anteriormente alla data di entrata in vigore della legge costituzionale 18 ottobre 2001, n.3.


RISULTATI DIFFERENZIALI - equilibrio finale
VociCompetenza
Entrate finali (avanzo + titoli I-II-III-IV) (+)6.957.759,00
Spese finali (disavanzo + titoli I-II) (-)10.460.259,00
Saldo netto da finanziare (-) o da impiegare (+)-3.502.500,00




QUADRO 6 - BIS - PIANO DI ALIENAZIONE E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI (2) (5)
(gli importi sono espressi in Euro)

VociN. unitàValore complessivo
Fabbricati non residenziali00
Fabbricati residenziali00
Terreni00
Altri beni00
TOTALE00
(2) Art. 58 L.133/08.
(5) Il contenuto del piano delle alienazioni e valorizzazioni immbiliari non presenta
correlazione
con la predisposizione del bilancio di previsione, nel significato che gli immobili inclusi
nel piano sono suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione,ma non per questo
comportano o richiedono di prevederne la vendita nel bilancio di previsione di cui
costituiiscono allegato.




QUADRO 6 - TER - PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE OPERE PUBBLICHE (3)
(gli importi sono espressi in Euro)

VociImporto previsto nel bilancio
di
previsione 2010
Mutuo o altre forme di indebitamento3.600.000,00
Entrate da permessi da costruire196.000,00
Alienazioni patrimoniali da realizzare (6)30.000,00
Contributi di enti del settore pubblico514.658,00
Entrate acquisite mediante apporti di capitali privati0
Avanzo di amministrazione0
Entrate correnti di bilancio diverse dai contributi12.000,00
Altro (4)0
TOTALE4.352.658,00
(3) Ove l'intervento sia finanziato con più fonti di finanziamento vanno inseriti i dati
disaggregati  per ciascuna fonte.
(4) Nella voce 'Altro', vanno anche inserite altre eventuali fonti di finanziamento
diverse dalle tipologie indicate
(6) L'attivazione della corrispondente spesa va avviata solo dopo la realizzazione
dell'alienazione.




QUADRO 6 - QUATER - ESTERNALIZZAZIONE ATTRAVERSO AZIENDE E SOCIETA'
(gli importi sono espressi in Euro)


RISULTATI DI ESERCIZIO DELLE DIECI PRINCIPALI AZIENDE
E SOCIETA'
PER FATTURATO - BILANCIO 2008
VociForma giuridica - Tipologia di azienda o società (2) Campo di attività A (3) (4)Campo di attività B (3) (4)Campo di attività C (3) (4)Fatturato registrato o valore produzionePercentuale di partecipazione o di capitale di dotazione (5)Patrimonio netto azienda o società (6)Risultato di esercizio positivo o negativo
N. forma giuridica Tipologia azienda o società255522.618.0465101.3961.029
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
N. forma giuridica Tipologia azienda o società00000000
(2) Indicare solo se trattasi 1- azienda speciale, 2- società per azioni, 3- società r.l.
(3) Indicare l'attività esercitata dalle società in base all'elenco riportato a fine certificato
(4) Indicare da uno a tre codici corrispondenti alle tre attività che incidono, per
prevalenza,
sul fatturato complessivo della società.
(5) Si intende la quota di capitale sociale sottoscritto per le società di capitali.
(6) Si intende il capitale sociale più fondi di riserva per la società di capitale e il capitale
di dotazione più fondi di riserva per le aziende speciali ed i consorzi-azienda.
-
 ELENCO ATTIVITA' ESTERNALIZZATE ATTRAVERSO AZIENDE E SOCIETA'
001 - Trasporto scolastico,refezione e altri servizi scolastici.
002 - Biblioteche,musei,pinacoteche,teatri e altri servizi del settore culturale.
003 - Gestione impianti sportivi.
004 - Trasporti pubblici locali e servizi connessi.
005 - Smaltimento rifiuti e tutela ambientale.
006 - Asili nido,servizi per l'infanzia e per i minori.
007 - Servizi di protezione sociale diversi da asili nido e servizi per l'infanzia e per
i minori.
008 - Servizi produttivi ad eccezione farmacie.
009 - Farmacie.
010 - Servizi di promozione del turismo.
011 - Gestione dei beni demaniali e patrimoniali.
012 - Servizi a domanda individuale diversi da attività già indicate.
013 - Altro.




QUADRO 7 - SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE ( * )
(gli importi sono espressi in Euro)

VociSPESE-PersonaleSPESE-Altre speseSPESE-TOTALEENTRATE (5)
Alberghi, case di riposo e di ricovero0000
Alberghi diurni e bagni pubblici0000
Asili nido0000
Convitti,campeggi,case per vacanze, ostelli0000
Colonie e soggiorni stagionali,stabilimenti termali0000
Corsi extra scolastici di insegnamento di arti e sport e altre discipline, fatta eccezione per quelli espressamente previsti per legge0000
Giardini zoologici e botanici0000
Impianti sportivi: piscine,campi da tennis,di pattinaggio, impianti di risalita e simili023.000,0023.000,004.205,00
Mattatoi pubblici0000
Mense comprese quelle ad uso scolastico0000
Mercati e fiere attrezzati0000
Parcheggi custoditi e parchimetri0000
Pesa pubblica0000
Servizi turistici diversi: stabilimenti balneari,approdi turistici e simili0000
Spurgo pozzi neri0000
Teatri, musei,pinacoteche, gallerie,mostre e spettacoli0000
Trasporti di carni macellate0000
Trasporti funebri, pompe funebri e illuminazioni votive 0000
Uso di locali adibiti a stabilimenti ed esclusivamente a riunioni non istituzionali: auditorium, palazzo dei congressi e simili0000
Collegamenti di impianti di allarme con centrali operative della Polizia Locale0000
Altri09.000,009.000,006.000,00
TOTALI032.000,0032.000,0010.205,00
( * ) Gli importi vanno riportati con due zero dopo la virgola.
L'arrotondamento dell'ultima unità è effettuato per eccesso qualora la prima cifra decimale sia superiore o uguale a cinque;
L'arrotondamento è effettuato per difetto qualora la prima cifra decimale sia inferiore a cinque.
(5) Entrate da tariffe e contribuzioni ed a specifica destinazione.




QUADRO 7 - PERCENTUALE DI COPERTURA
(gli importi sono espressi in Euro)

VociDati
La copertura del costo complessivo dei servizi a domanda individuale è pari al _________%31,89


QUADRO 9 - SERVIZI A CARATTERE PRODUTTIVO ( * )
(gli importi sono espressi in Euro)

VociSPESE-PersonaleSPESE-Altre speseSPESE-TOTALEENTRATE
Acquedotto0000
Distribuzione del gas metano0000
Farmacia0000
Altri0000
TOTALI0000
Quadri presenti con il NUOVO modello
Quadro 1SITUAZIONE RIASSUNTIVA
Quadro 2ENTRATE
Quadro 3SPESE ( * )
Quadro 4RIEPILOGO SPESE CORRENTI ( * )
Quadro 5RIEPILOGO SPESE IN CONTO CAPITALE ( * )
Quadro 6GENERALE RIASSUNTIVO
Quadro 7SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE
Quadro 9SERVIZI A CARATTERE PRODUTTIVO ( * )


BILANCIO DI PREVISIONE 2010 COMUNICATO AL MINISTERO
ATO PA1, Bilancio PREVENTIVO 2010, Comandante, Consiglio Comunale Tributario, D.L.78 2010 art 18, Elusione, Evasori, IRPEF, leoncino, Pappagallo, Rifiuti, sanzioni Amministrative, TARSU, Tributi, Bilancio 2010 Previsionale Ragioniere Fontanetta torna Capo Settore 2 servizio Econ Finan. ed ad Interim Personale 7 settore Comune Isola delle Femmine,ELEZIONI AMMINISTRATIVE,FONTANETTA,Indennità Risultato,Orifici,Pirrone, servizi, settori,SINDACATI,SINDACO,VOTO DI SCAMBIO,Bilancio 2010.P.E.G.

Nessun commento:

Posta un commento